Carburanti: Bernardis (Lega), proroga dello sconto è scelta importante

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
benzina

Trieste – “Plaudo alla volontà dell’amministrazione regionale di proseguire con il super sconto carburanti fino al 28 febbraio. Si tratta di un’importante misura sia per i cittadini che si trovano in situazione di difficoltà economica a causa della pandemia, sia per i gestori delle aree di servizio che vedono i volumi di vendita tornare a quelli antecedenti alla dismissione della Zona Franca”.

La considerazione arriva, in una nota, dal consigliere regionale della Lega, Diego Bernardis, che commenta positivamente la volontà del governatore Massimiliano Fedriga e dell’esponente della sua Giunta, Fabio Scoccimarro, di prorogare il super sconto sui carburanti almeno fino al 28 febbraio 2021, e cita alcuni dati di vendita di carburanti afferenti alla città di Gorizia.

“Si pensi – fa notare Bernardis – che sul territorio comunale di Gorizia nel 2019 sono stati venduti 4.771.442 di litri di carburanti, nel 2020 invece, a causa dei confini chiusi con la Slovenia per la pandemia e grazie al super sconto regionale, i litri venduti sono aumentati a 6.404.714 nonostante il lockdown e le pesantissime limitazioni agli spostamenti”.

“Il dato – prosegue l’esponente del Carroccio – diventa ancor più eloquente se prendiamo a riferimento il solo mese di dicembre, visto che da 390.991 litri venduti del 2019, nel 2020 c’è stato un incremento pari al +143,9%, con 953.638 litri venduti”.

“Condivido e rilancio l’appello fatto dall’assessore regionale all’Energia, Fabio Scoccimarro – aggiunge Bernardis – poiché è urgente che il Governo nazionale inizi a fare la sua parte e compartecipi agli sconti sui carburanti. Quando la Regione non potrà più sostenere da sola la misura degli sconti, se contestualmente i confini dovessero riaprire, ci troveremo dinanzi a un’ulteriore profondissima e pericolosa crisi per il settore dei rifornimenti”.

“Per il Friuli Venezia Giulia – prosegue il consigliere – la tematica del pieno oltreconfine è di prioritaria importanza, visto che annualmente sulla nostra fascia confinaria si perdono centinaia di milioni di euro in Iva e tasse che si riversano copiose al di là del confine e che, invece, se restassero in Italia, potrebbero servire a garantire servizi essenziali per i nostri cittadini, fra cui la Sanità regionale”.

“Occorre al più presto armonizzare l’economia di confine – conclude Bernardis – prevedendo un’area cuscinetto che possa limitare la desertificazione economica che interessa i nostri territori più svantaggiati, che pagano la concorrenza degli Stati confinanti dove la fiscalità, la burocrazia e le tariffe sono decisamente più leggere rispetto a quanto devono sopportare le attività italiane”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, commenta la scelta

”Se mi trovassi di fronte a quei ragazzetti di 15

Zappaterra (Pd): “Regione ed enti locali, grazie a una stretta

meloni

«Se il centrodestra dovesse vincere le Regionali la realtà sarà

“A gennaio dirò con chiarezza ai milanesi quale sarà la

«Lasciare a genitori e istituti la scelta sulla dad»  

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.