Colletta pro Terra Santa, Sandri: la pandemia l’ha resa ancor più necessaria

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
papa francesco

In una lettera il prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali parla della tradizionale raccolta del Venerdì Santo: l’emergenza sanitaria, scrive, ha aggravato l’isolamento dei cristiani
Roberta Barbi – Città del Vaticano

Un’occasione per contemplare da vicino il mistero di Gesù morto e Risorto, ma anche un modo per farsi idealmente pellegrini insieme a Gerusalemme: l’annuale Colletta per la Terra Santa del Venerdì Santo è anche questo, nelle parole che il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, affida a una lettera in vista del rinnovarsi dell’evento. Il porporato fonda il suo messaggio sul concetto di fraternità che già per san Francesco d’Assisi era la chiave di rilettura di tutti i rapporti della vita, “religiosi, economici, ecologici, politici, comunicativi. Il fondamento del nostro essere tutti fratelli e sorelle è proprio sul Calvario”. Anche Papa Francesco nel 2020 è tornato sulla questione, donandoci l’Enciclica Fratelli tutti, in cui, nota, “ha voluto ricordarci le conseguenze di questo dono di riconciliazione”.

Le difficoltà della Terra Santa acuite dal coronavirus
Con la consapevolezza che il 2020 è stato un anno di prova per tutti, il prefetto sottolinea le particolari difficoltà che hanno dovuto affrontare e affrontano ancora la Città Santa di Gerusalemme e la piccola comunità cristiana che dimora in Medio Oriente e “che vuole essere luce, sale e lievito del Vangelo”. “Nel 2020 i cristiani di quelle terre hanno sofferto un isolamento che li ha fatti sentire ancora più lontani, tagliati fuori dal contatto vitale con i fratelli provenienti dai vari Paesi del mondo”, ha spiegato. I cristiani hanno patito la perdita del lavoro dovuta all’assenza di pellegrini, che si è sommata in alcuni Paesi al persistere della guerra e delle sanzioni che di fatto hanno aggravato gli effetti della pandemia. “Inoltre – ha continuato -è venuto meno anche parte dell’aiuto economico che la Colletta pro Terra Sancta ogni anno garantiva, a motivo delle difficoltà di poterla svolgere in molti Paesi nel 2020”.

Fare come il Buon Samaritano, non girare lo sguardo
Nell’esortare tutti a partecipare alla prossima Colletta, il cardinale Sandri ha ricordato come Papa Francesco abbia offerto a tutti i cristiani “la figura del Buon Samaritano come modello di carità attiva, di amore intraprendente e solidale”. Sempre il Santo Padre ha poi, spesso, stimolato a “superare l’indifferenza di chi vede il fratello o la sorella in difficoltà e passa oltre”. Come spiega ancora il prefetto vaticano, infatti, la Colletta deve essere per tutti “un’occasione per non girare lo sguardo, per non passare oltre, per non ignorare le situazioni di bisogno e difficoltà dei nostri fratelli e delle nostre sorelle che vivono nei Luoghi Santi”. Un piccolo gesto di solidarietà, dunque, che San Francesco avrebbe chiamato “di restituzione”. Solo così, secondo il porporato, quelle comunità potranno “resistere alla tentazione di lasciare il proprio Paese, le parrocchie potranno proseguire la loro missione pastorale e si potrà continuare l’opera educativa attraverso le scuole cristiane e l’impegno sociale in favore dei poveri e dei sofferenti”.

La cura dei Luoghi Santi spetta a ognuno di noi
Infine, ma non per ultimo, l’appello del cardinale Sandri tocca il tema della tutela dei Luoghi Santi, che la Colletta, in parte, finanzia: “Non possiamo rinunciare a prendercene cura – ha detto – essi sono la testimonianza concreta del mistero dell’Incarnazione del Figlio di Dio e dell’offerta della sua vita fatta per amore nostro e per la nostra salvezza”. In conclusione della lettera, il porporato fa sue ancora una volta le parole rivolte duemila anni fa da San Paolo ai Corinti: “Chi semina scarsamente, scarsamente raccoglierà e chi semina con larghezza, con larghezza raccoglierà – ha ribadito – Dio ama chi dona con gioia”.

Colletta del Venerdì Santo, un po’ di storia
Nata dalla volontà dei Pontefici di mantenere forte il legame tra tutti i cristiani del mondo e i Luoghi santi, in tempi recenti è stato Paolo VI a darle una spinta decisiva attraverso l’Esortazione Apostolica Nobis in Animo del 25 marzo 1974. La Custodia francescana, cui sono affidati i Luoghi Santi, attraverso la Colletta può portare avanti la missione a cui è chiamata: oltre alla conservazione dei Luoghi Santi, il sostegno e lo sviluppo della minoranza cristiana locale, la liturgia, le opere apostoliche, l’assistenza ai pellegrini. Nel 2020, su richiesta della stessa Congregazione per le Chiese Orientali, a causa della pandemia, l’appuntamento venne spostato al 13 settembre. Nello stesso anno, fortemente segnato dal Covid, grazie al fondo d’emergenza istituito dalla Congregazione e alla collaborazione di varie agenzie della Roaco (Riunione Opere Aiuto Chiese Orientali) sono stati finanziati 303 progetti in 24 Paesi, oltre a provvedere al sostentamento di sacerdoti e religiosi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

landini

“Faccio il classico esempio dell’idraulico: dare la possibilità di detrarre

Si aggiungono ai 450 già operativi dai giorni scorsi Da

Se c’è un politico, e uno studioso, che ha preso

bonino

“Il mio no è contro una legge fondata sul disprezzo

casellati

Gentile Presidente, la ringrazio per l’invito al Festival del Lavoro

(Ancona, 16-18 ottobre 2020) Da venerdì 16 a domenica 18

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.