È desolante il quadro delineato dall’Istat sulla situazione demografica italiana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
meloni

Nell’ultimo anno si registra un nuovo minimo storico di nascite (404 mila) dall’unità d’Italia e un massimo storico di decessi (746 mila) dal secondo dopoguerra. Dati a dir poco allarmanti, che il covid ha contribuito a peggiorare e davanti ai quali la politica non può continuare a voltarsi dall’altra parte: con questi numeri l’Italia è una nazione destinata a scomparire.
Fratelli d’Italia conduce da anni, spesso in solitudine, una battaglia affinché il sostegno natalità sia una priorità dell’Italia e dell’Europa. Una emergenza che richiede risposte imminenti, sulla quale abbiamo presentato decine di proposte, che vanno dagli asili nido gratuiti a strumenti di sostegno alla maternità come il reddito di infanzia.
Per Giuseppe Conte la natalità non è stata una priorità: chiediamo al premier Draghi di non commettere lo stesso errore dei suoi predecessori e dei partiti che oggi sono anche nel suo governo. Perché i figli non sono un bene di lusso ma sono la garanzia di futuro per la nazione e lo Stato ha la responsabilità di dare su questo risposte ai cittadini.
Giorgia Meloni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Sono morti soli, in una sofferenza senza fine. Negli ospedali,

animali intrappolati nella plastica

Quelli marini sono particolarmente a rischio, ma non si salva

castaldo

Ho depositato un’interrogazione rivolta Alto rappresentante dell’Unione per gli affari

Si è svolta oggi, la prima riunione del “Tavolo permanente

soldi

“Se non ci saranno nuovi intoppi, le risorse messe a

Sospeso fino al mese di giugno il pagamento del bollo

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.