Freddo record: -42 gradi sull’Altopiano di Asiago

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
freddo

L’ondata di gelo che si sta abbattendo sull’Italia ha contribuito a registrare il record italiano del luogo più freddo. Nella dolina di Campo Magro, sull’Altopiano di Asiago (Vicenza), la temperatura è arrivata a -42 gradi. A rilevarla i tecnici dell’associazione ‘Meteotriveneto’, che monitorano fisicamente questo e altri ‘poli del freddo’ italiani, luoghi corrispondenti a depressioni naturali (doline) dove in determinate condizioni (aria fredda, suolo innevato, cielo terso e assenza di vento), il gelo si concentra.

Quello in Veneto è valore più basso mai rilevato prima in un sito freddo ad un’altitudine inferiore ai 1750 metri. Si tratta di temperature estreme registrate in prossimità delle doline, cioè delle cavità carsiche, e non nelle aree circostanti. Sempre nel vicentino, -32,8 gradi sono stati rilevati nella dolina Campomolon e tra le stazioni di montagna la più fredda è stata Livigno, con -21,5 gradi.

“”Le restrizioni dovute al Covid – spiega l’associazione ‘Meteotriveneto’ – hanno impedito di raggiungere altri luoghi storici monitorati sulle Pale di San Martino, dove nel 2013 era stato rilevato il record italiano di -49,6 gradi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

dimaio

In Consiglio dei Ministri abbiamo dato il via al Piano

Ad intercettare nella notte il motoveliero con 68 migranti a

Val d’Aosta : lunedì 10 agosto esercitazione congiunta Soccorso Alpino

vaccino

Un fronte unito per sconfiggere la COVID-19: azioni chiave della

Milano- In attuazione del “Decreto Crescita” la Regione Lombardia ha

Guardando a ciò che sta accadendo, bisogna riaffermare con forza

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.