IL RICORDO DEL SINDACO FRANCO IANESELLI

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
cesare maestri al fimfestival (2019)

“Addio Cesare Maestri, grazie di aver onorato
Trento e il Trentino con le tue imprese e con la tua vita”

“Con Cesare Maestri non se ne va solo il simbolo dell’alpinismo italiano. Perdiamo soprattutto un grande uomo, che è stato ben più di un atleta straordinario, capace di scalare le vie più impervie dalle Dolomiti alla Patagonia. Partigiano, ambientalista, scrittore di rango, maestro di montagna per tanti giovani: nei suoi 91 anni Cesare Maestri ha raggiunto l’eccellenza in campi disparati, senza mai perdere l’umiltà e l’umanità tipiche del montanaro”.
Così il sindaco Franco Ianeselli ricorda Cesare Maestri, nato a Trento 91 anni fa, anche se gran parte della sua vita l’ha trascorsa a Madonna di Campiglio, vicino alle sue amate Dolomiti. “La sua scomparsa, annunciata dal figlio, ci fa tornare in mente quella che forse è stata una delle sue ultime uscite pubbliche – racconta il sindaco – Maestri, che era socio onorario del Trento Filmfestival, acclamato da una folla entusiasta nel 2019 ricevette la Genziana alla carriera: è stato un momento davvero commovente, indimenticato e indimenticabile da chi era presente. Ora che questa figura quasi leggendaria non c’è più, ci restano le sue imprese e le sue riflessioni sul rapporto tra l’uomo e una natura che può essere, di volta in volta, magnifica, aspra o indifferente, ma a cui Cesare Maestri ha sempre portato rispetto. In una vecchia intervista rilasciata al giornalista di Repubblica Roberto Bianchin in occasione della festa suo sessantesimo compleanno organizzata a sorpresa a Mattarello, Maestri disse: ‘Non faccio l’ ambientalista a oltranza, ma non mi piace la ressa, la confusione, la sporcizia e la spavalderia. Bisogna andare in montagna come se si entrasse in una chiesa, in punta di piedi e senza alzare la voce. Ci vuole più rispetto, più amore. Anche più timore’. Rispetto, amore, timore: la sua è stata una lezione non solo ad uso degli alpinisti, ma per tutti coloro che hanno voglia di ascoltarla. Di sicuro la ricorderemo nella prossima edizione del Filmfestival e quando, da amministratori, dobbiamo occuparci di montagna. Addio Cesare Maestri, grazie di aver onorato Trento e il Trentino con le tue imprese e con la tua vita”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Il 2020 sarà dedicato anche ad incrementare e integrare sempre

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ribadisce la politica dei porti

L’Emilia-Romagna e il bacino padano, fino alla Slovenia, come un

Non si capisce se vogliono fare impazzire i commercialisti. Molti

roma

Recuperare immobili del patrimonio capitolino e metterli a disposizione gratuitamente

giornali

E’ stata pubblicata, sul sito istituzionale dell’Irfis, la graduatoria per

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.