LA FAMIGLIA DI GEORGE FLOYD RICEVERÀ 27 MILIONI COME RISARCIMENTO

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
160473303_2882501262035493_7905787067939799701_o

La famiglia di George Floyd, l’afroamericano ucciso a maggio 2020 da un poliziotto, riceverà 27 milioni di dollari (22,5 milioni di euro) come risarcimento dopo aver raggiunto un accordo con la città di Minneapolis (Minnesota).
“Questo accordo extragiudiziale è il più grande nella storia degli Stati Uniti in una causa sui diritti fondamentali intentata per una morte attribuibile alla cattiva condotta [della polizia]”, hanno detto gli avvocati della famiglia Floyd.
George Floyd, 46 anni, è stato ucciso il 25 maggio 2020 dopo essere stato ammanettato soffocato dal poliziotto Derek Chauvin. Era sospettato di aver usato una banconota falsa da 20 dollari per comprarsi un pacchetto di sigarette.
La sua morte ha dato il via a una mobilitazione senza precedenti dagli anni ’60 negli Stati Uniti contro il razzismo e la violenza della polizia, che si è diffusa in tutto il mondo, con manifestazioni, al grido di “Black lives matter”.
Il processo di Derek Chauvin è iniziato martedì 9 marzo con la selezione dei primi giurati. È accusato di “omicidio” e “omicidio colposo”. Gli altri tre agenti di polizia verranno processati più tardi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

E’ importante l’impegno concreto e immediato per salvare i 251

La deputata regionale: “Plastica e scarti agricoli in fiamme quasi

“I casi veri nella città di Milano sono forse 5-6

fico

“Credo che entro il primo maggio il decreto sarà convertito”.

La FSP Cagliari Polizia di Stato, ancora una volta, si

boschi

L’Italia è nelle mani di Maria Elena Boschi, delle sue

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.