La verità su Zingaretti, leader-Fantozzi asfaltato da Renzi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
zingaretti

Nicola Zingaretti è un po’ come quei travet che vanno sempre di corsa, trafelati, ma arrivano sempre in ritardo, quando i giochi sono fatti. Paurosi della loro stessa ombra, incapaci di iniziativa, perdono il treno che gli passa sotto il naso e del cui arrivo in stazione non si erano nemmeno resi conto. Un anno e mezzo fa, ai tempi del Papeete, il nostro avrebbe avuto l’occasione d’oro di sbarazzarsi di Matteo Renzi e soprattutto della nutrita pattuglia dei suoi famigli che gli impedivano, di fatto, la leadership nel partito di cui era segretario.

A chi più di lui, insieme a Matteo Salvini, sarebbe convenuto andare alle urne? Il nostro subì allora l’iniziativa di Renzi che di fatto riportò i democratici al governo, seppure a costo di sconfessare tutte le solenni promesse antigrilline fatte dal solerte segretario fino a pochi giorni prima. D’altronde, la voglia di potere e di poltrone, fra cui quelle delle partecipate in arrivo, era troppo forte per lasciarsela scappare. E pazienza che le si sarebbe dovute dividere con l’odiato senatore semplice di Rignano! Il quale, non passano dieci giorni e si fonda il suo partito personale. Il nostro, a quel punto, avrà pensato che era fatta: il Pd era finalmente tutto suo! E avrà pensato anzi che in verità non il partito ma tutto il governo era nelle sue mani, essendo i grillini in uno stato confusionale e Giuseppe Conte un “senza partito”. Pagare qualche piccolo prezzo alla demagogia pentastellata, tipo il sì al referendum bilanciato però da una legge elettorale promessa ma che non è mai arrivata, come Parigi, valeva bene una messa! Senonché dici sì oggi e dici sì domani, complice pure la pandemia, il Pd ha cominciato a dare tanto e a ricevere poco, con Conte che ha avocato a sé quei “pieni poteri” che Matteo Salvini aveva solo metaforicamente e incautamente evocato.

Zingaretti, in sostanza, ha detto e si è contradetto, ha giocato sempre di rimessa, è stato poco convincente quando bluffando ha minacciato le urne che non voleva. Fino alla scelta suicida, nella recente crisi, di legarsi mani e piedi a Conte, seguendolo nella sua azzardata ricerca di “responsabili” che ha di fatto trasformato il parlamento in un suk arabo. Apostrofato Renzi come “irresponsabile”, prima osteggiato con solenni giuramenti di “mai più” e poi corteggiato, il fratello di Montalbano non si è accorto che per Conte era finita e che il presidente della Repubblica guardava ormai a tutt’altra parte. Renzi intanto metteva tutti i puntini sulle i che i dem non avevano avuto il coraggio di mettere con Conte e i grillini. E in più, fra il giubilo anche dei suoi ex compagni, umiliava non solo il premier ma anche il suo ex segretario.                                                                                                                                                    fonte https://www.nicolaporro.it/la-verita-su-zingaretti-leader-fantozzi-asfaltato-da-renzi/?fbclid=IwAR0bJmg2tdmh7DrYZ4V1gAUEbhOHfCqsU9bMqVbi9RAILBAmOUf5p5Xh1LA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Non un articolo de il Manifesto – dica chiaramente che

Roma  – In un’ Europa che guarda al new ‘Green

carabinieri

Tra questi c’è anche il rampollo del boss Caporrimo Nuovo

I dirigenti del Pd ligure dovrebbero, al minimo, imparare a

boschi

Maria Elena Boschi, presidente dei deputati di Italia Viva, questa

In una nota i deputati di Forza Italia Fucsia Fitzgerald

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.