Maltempo, riconosciuto lo stato d’emergenza nazionale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
maltempo

Bonaccini-Priolo: “C’è stata la rapidità che avevamo chiesto, in attesa di tutte le altre risorse necessarie. Al lavoro su ricognizione di tutti i danni a privati e imprese”

Allagamenti esondazione Panaro nel modenese (6 dicembre 2020)Sì all’Emilia-Romagna. Nella seduta di ieri sera, il Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Giuseppe Conte, ha deliberato la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale in seguito agli eventi meteorologici che si sono verificati ai primi di dicembre nel territorio delle province di Modena, Bologna, Ferrara e Reggio Emilia. Con danni ingenti soprattutto nel modenese in seguito alla rotta del fiume Panaro.

Il Governo ha accompagnato il riconoscimento dello stato di emergenza stanziamento con un primo stanziamento di 17,6 milioni di euro a copertura dei primi interventi di soccorso alle popolazioni e del ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di rete.

“E’ un ottimo risultato, ottenuto in nemmeno venti giorni dalla nostra richiesta, e in attesa di tutte le altre risorse necessarie” affermano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore alla Protezione civile, Irene Priolo. “Ringraziamo il presidente Conte e il Governo per la rapidità della decisione, rapidità che mai come adesso serve per dare sostegno alle comunità colpite, cittadini, famiglie, attività e imprese”.

Lo stato di emergenza nazionale è necessario per tutte le procedure necessarie al riconoscimento dei fondi per risarcire tutti i danni, sia pubblici che privati. “Lo stanziamento deciso serve per i primi interventi urgenti- sottolineano presidente e assessore-. Dopodiché, vogliamo continuare ad andare veloci: è già stata attivata la ricognizione per i danni ai privati e alle attività produttive tramite i Comuni interessati. Una volta terminata, comunicheremo al Governo l’ammontare del fabbisogno. Ricordiamo- aggiungono Bonaccini e Priolo- che questo riconoscimento dello stato d’emergenza ottenuto adesso ci consentirà di accedere anche a risorse specifiche della legge Finanziaria 2020. Per quanto riguarda i quasi 18 milioni di euro – concludono- per la nostra Regione si tratta del più alto riconoscimento di sempre di risorse legate alla prima deliberazione dello stato d’emergenza. Avevamo chiesto al Governo rapidità, e rapidità c’è stata; la Regione, come già avvenuto in passato, continuerà a fare la propria parte in prima persona”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Matera –  Si è concluso oggi nella città di Matera,

Passata la sbornia delle elezioni europee, l’attuale governo o quel

Il grande affetto che ancora oggi i lavoratori e le

Esploriamo il rapporto di uno scettico con la cartomanzia ed

Il presidente della Campania Vincenzo De Luca non è d’accordo

olimpiadi

Il premier del Giappone Shinzo Abe ha chiesto il rinvio

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.