Mario Draghi striglia le Regioni: basta furbetti del vaccino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
draghi

Mario Draghi chiede unità al Paese per sconfiggere la pandemia nel corso delle sue comunicazioni in Senato e alla Camera prima del Consiglio europeo che si tiene oggi. Ma il suo intervento che ribadisce le linee guida del governo sul piano vaccinale offre anche l’occasione per strigliare le Regioni che sulle somministrazioni dei sieri sono ancora in ritardo e soprattutto disallineate tra loro. Draghi inizia con la carota.

Sono state somministrate «quasi 170 mila dosi al giorno» nelle prime 3 settimane di marzo, «più del doppio che nei mesi precedenti e nonostante il blocco temporaneo di AstraZeneca». L’obiettivo resta quello di vaccinare mezzo milione di persone al giorno. A partire dalle categorie fragili e dagli anziani trascurati dalle regioni «in favore di gruppi che vantano priorità probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale». «Per quanto riguarda la copertura vaccinale di coloro che hanno più di 80 anni – dice il premier – persistono purtroppo importanti differenze regionali, che sono molto difficili da accettare».

Poi arriva la bacchettata: «Tutte le regioni devono attenersi alle priorità indicate dal ministero della Salute». Le affermazioni del presidente del Consiglio non sono gradite da molti presidenti di Regione. «Accuse generiche, faccia chiarezza a chi si riferisce», spiega uno dei governatori rimarcando la mancanza di dosi, la confusione sul vaccino AstraZeneca, i cambi di programma sulla necessità di rivolgersi prima ai servizi essenziali e poi alle fasce d’età. «Il vaccino Moderna a noi arriva con il contagocce», dice un altro presidente di Regione. «Che sia colpa delle regioni proprio no», replica Zaia, «Se ci sentiamo chiamati in causa? Assolutamente no», risponde Giani. «Smettiamola con lo scaricabarile che ho visto un po’ troppo accentuato in questi giorni», rilancia Toti. La mano tesa dell’esecutivo c’è. «Il governo attraverso il Commissario per l’emergenza segue con la massima attenzione tutto quello che succede a livello nazionale ed è pronto in ogni occasione ad offrire il massimo supporto», conferma il ministro Speranza.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Eppure solo qualche giorno fa il nuovo responsabile esteri del

Il tempo preciso, né più né meno, che serve per

covid

Piemonte, Veneto e Lombardia in sofferenza. Lazio verso la zona

gasparri

”Perfino l’improbabile Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, ammette palesemente il

lavoro

Le luci e le ombre del mercato del lavoro italiano

Nel suo articolo di oggi sul Fatto Quotidiano, Montanari sottolinea

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.