Taranto, vertenza Ex Isolaverde. Galante (M5S): Ai lavoratori servono risposte immediate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
taranto

Taranto, vertenza Ex Isolaverde. Galante (M5S): “Ai lavoratori servono risposte immediate, non il rimpallo di responsabilità del Comune”

“È necessario tutelare i 130 lavoratori ex Isolaverde, da oggi senza occupazione in seguito alla scadenza del progetto ‘Verde Amico’. Per questo non serve il rimpallo di responsabilità che il Comune di Taranto sta da tempo mettendo in atto, ma bisogna fare la massima chiarezza sulla questione. La verità è che l’amministrazione comunale non ha mai previsto un futuro per queste persone”. Lo dichiara il consigliere del M5S Marco Galante.

“Dispiace – continua Galante – che ora si cerchi di scaricare sul Governo e sul Prefetto Martino, oggi Commissario Straordinario alle Bonifiche, responsabilità del Comune e dell’allora Commissario alle Bonifiche che ha finanziato il progetto ‘Verde Amico’ con i fondi dell’intervento ‘Piattaforma per un sistema integrato di riqualificazione dell’area vasta di crisi ambientale’, nonostante il parere negativo del Ministero dell’Ambiente, dal momento che l’intervento ha finalità diverse. Anche i sindacati hanno evidenziato come le fonti di finanziamento per i progetti di bonifica siano state messe a disposizione del territorio sia dal Governo che dalla Regione. Dopo anni in cui le risorse finanziarie sono state assicurate dal Commissario alle Bonifiche Vera Corbelli e dalla Regione Puglia, adesso è il momento che il Comune di Taranto stanzi delle risorse per risolvere la questione dei lavoratori. Allo stesso modo vogliamo sapere se la Provincia si sia attivata per i 10 lavoratori, rimasti al di fuori dal progetto, dal momento che Isolaverde era una Società partecipata dell’amministrazione provinciale, e che attendono da quasi 5 anni di essere stabilizzati. Saremo i primi a interessare i nostri Parlamentari per una interlocuzione con i Ministeri competenti perché quello che ci interessa è la risoluzione positiva della vertenza. Servono soluzioni immediate e condivise, non cercare di prendere in giro i lavoratori, come qualcuno sta tentando di fare per non ammettere i propri errori”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

«Adesso è necessario accelerare sui tempi di realizzazione delle rampe

“Dobbiamo rendere più umani i tempi del lavoro, gli orari

Tra poche ore l’alta pressione che da più di un

Sono passati mesi, ma non ci siamo mai dimenticati di

Anche nell’anno del Covid si conferma la forte affezione degli

#questuradiroma #essercisempre #poliziadistato 3685 identificati, 5 arrestati, 13 denunciati in

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.