Uso esplosivi in cava Monte Petroso mette a rischio Villa del Cardinale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
esplosione_beirut

Perugia: Cgil, uso esplosivi in cava Monte Petroso mette a rischio Villa del Cardinale

“L’impiego di esplosivi nella cava di Monte Petroso mette ulteriormente a rischio non solo la vicina Villa del Cardinale, ma anche tutto il territorio circostante e il suo sviluppo. Riteniamo pertanto che il Comune di Perugia debba intervenire con azioni risolutive per la messa in sicurezza del bene comune Villa del Cardinale, nonché per definire possibili alternative alla situazione attuale, nell’ottica di una reale promozione della filiera Ambiente/Turismo/cultura”. È quanto si legge in una lettera che la Cgil di Perugia, insieme allo Spi Cgil provinciale, ha indirizzato al sindaco di Perugia, Andrea Romizi, e alla Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio dell’Umbria, alla quale il sindacato chiede di esprimere un parere sulla ormai annosa situazione. “Sottolineiamo la possibilità di utilizzo di appositi fondi previsti anche nel Recovery plan – proseguono Cgil e Spi – per garantire sviluppo e attuare quella transizione ecologica di cui molto di parla”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

L’Ospedale in Fiera da “astronave” si è trasformato in un’enorme

Trieste – Quarantadue milioni di euro da destinare ad interventi

E’ stata una Pasqua straordinaria quella di Riccione. Il colpo

Il rito del teatro accompagna l’essere umano fin dagli inizi

Pian pianino stiamo riprendendo i ritmi degli anni passati nelle

Valorizzazione della contrattazione e della bilateralità, ruolo del terziario, relazioni

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.