VARIANTE EX-ARISTON: COME LA GIUNTA CONTI GARANTISCE LA RENDITA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
65558948_2273628666057328_7233177435628371968_n

La Giunta Conti ha appena approvato una variante al regolamento urbanistico che prevede di realizzare nuove residenze al posto dell’ex Cinema Ariston. Nulla di più vecchio e banale poteva essere proposto: la solita storia di sostituire funzioni (servizi, intrattenimento, cultura…) con residenze, con l’unico obiettivo di garantire la rendita dei proprietari senza considerare le reali necessità della città.

Si è ricorso ad una variante perché il piano vigente prevedeva che nell’area si sarebbe potuto svolgere solo attività di cinema oppure, nel caso di dismissione dell’attività, quella di parcheggio. Questo con l’evidente intento di salvaguardare la funzione sociale del cinema dall’assalto della speculazione, o al limite di utilizzare i volumi per alleggerire il problema del parcheggio per i residenti nel centro storico.

Questa discriminante per noi è fondamentale e anche nella previsione vigente non era stata sufficientemente garantita: i nuovi parcheggi non avrebbero dovuto attrarre nuovo traffico nel centro, ma dare risposta alla domanda dei residenti e, soprattutto, liberare le strade limitrofe dalle auto. Questo è il modo corretto di utilizzare le inevitabili trasformazioni urbane per migliorare la qualità della vita nel centro storico: un giusto numero di parcheggi per i residenti, ma spazi pubblici liberi dalle auto per una migliore fruizione da parte di pedoni e biciclette e per migliorare la qualità dei luoghi.

Per questo a suo tempo avevamo proposto di vincolare questi potenziali nuovi parcheggi alla sostituzione di quelli a raso esistenti, ma tale proposta non fu accettata dalla amministrazione Filippeschi.

Oggi però questa discussione viene spazzata via da un ritorno all’antico, alla logica della rendita e della speculazione: ogni vuoto urbano (molto rari nei centri storici) va riempito con volumetrie “utili”, ovvero redditizie.

Con la variante si prevede, infatti, di realizzare due piani di parcheggi (per 62 posti) e tre di appartamenti (20 in tutto): la quasi totalità dei parcheggi saranno, quindi, utilizzati dai nuovi residenti e i posti auto aggiuntivi saranno davvero pochi. In compenso si realizzeranno nuove case appiccicate a quelle esistenti e si sarà persa un’occasione di riqualificare gli spazi pubblici circostanti.

Se la Giunta crede che il semplice costruire nuove abitazioni in centro e allentare le maglie della ZTL possa far crescere il numero dei residenti si sbaglia di grosso: lasciare la sbriglia sciolta alla rendita speculativa porta verso l’aumento dei prezzi e lo svuotamento delle città, come ormai ampiamente dimostrato.

Noi vogliamo rilanciare la nostra idea: utilizziamo queste rare occasioni di trasformazione per migliorare i luoghi e per dare risposte, non solo per arricchire chi non ne ha bisogno.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Dopo la partenza col botto, per la chiusura arrivano Antonio

Marco Marinacci Il Presidente dei Popolari per l’Italia, Mario Mauro,

GENOVA – E’ il centro trapianti dell’ospedale San Martino di

violenza

Dal 1° gennaio al 9 maggio 2021 sono stati commessi

bellanova

Ministra Bellanova, perché Iv non ha partecipato a un vertice

renzi

Matteo Renzi non ha dubbi in merito al fatto che

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.