Il virus più dannoso è la nostra paura

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
20200226143326975_1331816_20200227091152-1

Stiamo esagerando? Adesso la domanda rimbalza ovunque, dai luoghi istituzionali ai bar, dalle associazioni di categoria alle mense dei lavoratori, come a sottolineare un senso della misura smarrito assieme al senno. Eppure ormai la domanda è fuori tempo massimo, la pallina nel flipper schizza e rimbalza a suo piacimento condizionata da palinsesti e timoni studiati con logiche precise, che poco hanno a che vedere con l’informazione e molto con le gare di share. Il coronavirus fa ascolto, la medicina supera il linguaggio di Medicina Trentatré e si fa infoteinment, i giornali spingono la foliazione laddove solo le crisi di governo o le tensioni internazionali li portavano. Persino i profili social dei politici interessati alla vicenda vedono i like nelle loro pagine gonfiarsi grazie al virus.

Ognuno ha costruito un pezzo di questo stress collettivo che ha mischiato ragioni ed emotività, paure e tutela. Fatto sta che in una manciata di giorni abbiamo paralizzato l’Italia, danneggiato pesantemente l’economia reale, costruito scenari apocalittici, generato i presupposti per un collasso delle strutture sanitarie pubbliche che di giornata in giornata si farà sempre più intenso (tanto che abbiamo rigenerato gli ospedali militari ormai scomparsi dai radar dell’interesse politico). Un plauso speciale va proprio ai medici che, in condizioni di sottostima, stanno gestendo con estrema professionalità una situazione che ad altri è sfuggita di mano ingigantendola per paura delle debolezze di sistema. Tuttavia vado oltre e provo a ragionare su un punto debole troppo sottile per essere visto, un filo sottile che lega i vari pezzi dello stress collettivo: l’ansia della paura.

L’illusione di aver esorcizzato le paure attraverso una società iper-sorvegliata e iper-controllata è franata di colpo quando la possibilità di una destabilizzazione delle nostre vite è entrata nelle nostre vite. Non parlo della destabilizzazione ma solo della sua possibilità, la sua opzione. Ci siamo bloccati lì, il virus misterioso è diventato quell’uomo nero che usciva dal buio per farci male. Quella società che si credeva adulta si è scoperta fragilissima, infantile. Come i bambini piangono, gli adulti prendono d’assalto i supermercati, si coprono con le mascherine e si chiudono. E ora che succede? E ora chi ci difende? E ora come si vive in isolamento, in quarantena? Si parla spesso di cultura, ma proprio la scelta di “ripulire” pure la cultura dal senso del tragico e dal senso della sofferenza oggi si rigira contro di noi. Gli antichi non si sottraevano alla narrazione più cruda delle violenze, delle sofferenze, del dolore, ma lo stravolgevano dandone – attraverso la catarsi – un senso educativo                                                          . di Gianluigi Paragone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Per lungo tempo ad esempio, soprattutto negli Stati Uniti, il

“Il Governo regionale a oltre due mesi dalle elezioni, ha

Cara Ministra Bellanova, chi in questi anni si è impegnato,

Chissà quanto deve durare questa vergognosa guerra della Sea Watch

Cerimonia solenne con alzabandiera, picchetto d’onore interforze è Inni d’Italia

Il MoVimento 5 Stelle è nato dalla partecipazione e dal

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.