A Lodi, circa 200 pazienti seguiti con la telesorveglianza nelle loro case

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
telemetria

Dopo quasi due mesi dall’inizio dell’emergenza, negli ospedali Lodigiani sono ancora circa 300 i pazienti ricoverati positivi al covid-19. A dirlo è il Direttore Generale dell’ASST Lodi, Massimo Lombardo, nella sua lettera, inviata, la vigilia di Pasqua, a tutto il personale.

Grazie all’impegno ed alla professionalità di tutto il personale degli ospedali di Lodi, Sant’Angelo Lodigiano e Codogno sono stati fatti importanti interventi di riorganizzazione che hanno permesso di ampliare il numero dei posti letto dando priorità ai pazienti con complicazioni conseguenti al coronavirus.

L’emergenza sanitaria sul territorio lodigiano sta lentamente rientrando; si registra un minor numero di pazienti positivi al virus che si presentano al pronto soccorso. Inoltre, il numero dei pazienti ricoverati diminuisce anche grazie alla collaborazione con i medici di famiglia con i quali si possono definire diagnosi e terapie da attuare al proprio domicilio.

Per far fronte alle esigenze è stata avviata l’attività di telesorveglianza domiciliare per circa 200 persone.

La telemetria medica è una modalità innovativa che offre in questo frangente servizi medici immediati ed è attuabile grazie alla collaborazione tra medici di famiglia e ATS.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“In Legge di Bilancio 2020, la tutela dei lavoratori a

Un crack da oltre 1,5 miliardi e la perdita di

L’ingresso del Palazzo venne ridisegnato da Gio’ Pomodoro a metà

Se il maltempo continua, i danni potrebbero superare 500 milioni

MORATORIE, IL GOVERNO DRAGHI STUDIA PROROGA ED ESTENSIONE A MICRO

Riunione dell’organismo che gestisce l’emergenza. La decisione finale dopo la

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.