Acqua pubblica: da Agrigento una lezione di democrazia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
acqua

Acqua pubblica: da Agrigento una lezione di democrazia. La soddisfazione del Forum e l’auspicio che l’esempio sia presto seguito dalle altre ATI siciliane.

Si è formalmente costituita ieri l’azienda speciale consortile che gestirà il servizio idrico integrato nella provincia di Agrigento. Un risultato storico, dopo anni di malversazioni e illegalità macroscopiche della gestione privata di Girgenti Acque, coperte da complicità e compromissioni gravissime che grazie allo straordinario lavoro della magistratura sono venute alla luce.

I cittadini hanno pagato a caro prezzo in termini di servizio, tariffe, inquinamento ambientale e soprattutto etico e morale un sistema che oggi è finalmente e speriamo definitivamente tramontato.

Il Forum siciliano dei movimenti per l’Acqua e i Beni Comuni ha promosso e sostenuto con forza la costituzione di un ente di diritto pubblico per la gestione del servizio idrico; l’AICA, l’azienda idrica dei comuni agrigentini, sarà la prima azienda speciale a livello di Ambito in Sicilia ed in Italia a rispettare l’esito dei referendum del 2011 sull’Acqua Bene Comune ed il dettato della legge regionale 19 del 2015 che recita che sull’Acqua non si può fare profitto. Nel ringraziare tutti i sindaci che all’interno della Assemblea Territoriale Idrica hanno sposato e sostenuto la nostra stessa prospettiva a partire dalla presidente Francesca Valenti, auguriamo ai componenti del C. d. A. e al presidente e vice presidente dell’assemblea dell’AICA un buon lavoro.

Siamo ben consapevoli del fatto che non saranno poche le difficoltà da affrontare ma la governance del nuovo soggetto gestore avrà dalla sua il contributo di partecipazione e controllo democratico dei cittadini e del Forum siciliano nelle sue straordinarie e combattive articolazioni territoriali. L’AICA dovrà funzionare ed essere efficace, efficiente, economica e trasparente!

L’auspicio è che l’esempio di Agrigento sia presto seguito dalle altre ATI siciliane e che si possa rimuovere la possibilità di fare profitto sull’Acqua anche a livello di sovrambito, risolvendo il contratto di Siciliacque spa per il 75% della multinazionale francese Veolia.
L’Acqua è il bene comune primario ed il simbolo della democrazia effettivamente esigibile dalle comunità. Ieri Agrigento ha dato lezione di democrazia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“Scriveremo alla Direzione Sanitaria per una diversa gestione del personale”

Un’operazione di riqualificazione del litorale di Messina, nel tratto compreso

È stato un ottimo incontro stamani alla Fondazione Carnevale di

Il nostro Paese ha sperimentato sulla propria pelle, drammaticamente, quanto

Siamo in deflazione. L’indice dei prezzi al consumo annuale a

paragone

Gianluigi Paragone, senatore del Gruppo Misto, è intervenuto ai microfoni

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.