Anche Giacomo Poretti ha contratto il coronavirus: “Non riuscivo nemmeno ad aprire la caffettiera”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
96008794_10218690931038247_8809645529517522944_n

Lʼattore del trio Aldo, Giovanni e Giacomo lo ha rivelato in unʼintervista al Corriere delle Sera

“Sono tornato da una settimana bianca il 7 marzo. Il giorno dopo avevo dolori alle ossa e una profonda debolezza. Ho avuto 8 giorni di febbre altissima, come mai ho avuto nella vita…”. Giacomo Poretti confessa così, durante un’intervista al Corriere della Sera, di aver contratto il coronavirus: “Ora il tampone è negativo… voglio fare il test sierologico e sono disposto a donare il plasma”, racconta l’attore del trio Aldo, Giovanni e Giacomo.
“Mi sono letteralmente spaventato, perché mai come in questa situazione evocare l’ospedale era come evocare il cimitero…”, racconta Giacomo ricordando i giorni della malattia: “Ho passato 8 giorni a controllare il respiro. Quando è finita la febbre avevo una spossatezza come se avessi fatto 5 maratone di New York… Ricordo che una mattina non sono riuscito nemmeno ad aprire la caffettiera per quanto ero debole…”.

Anche la moglie di Poretti, Daniela Cristofori si è ammalata, ha spiegato l’attore commentando come “le donne sono sempre più forti”: “A lei la febbre è durata solo due giorni. Ha perso però olfatto e gusto…”, afferma.

E gli altri due membri del trio, Giovanni e Aldo? Giacomo scherza e dice: “Nei trii il virus colpisce una sola persona, a me è andata di sfiga!”.
In quanto alla fase due e tre, l’attore ha un grande desiderio, tornare in teatro con il suo ultimo spettacolo “Chiedimi se sono di turno” con il quale era in tour prima del lockdown. Un’opera teatrale che racconta la sua esperienza di 11 anni come infermiere: “Mi piacerebbe ripartire portando lo spettacolo negli ospedali, con un nuovo prologo magari dedicato a questa vicenda: perché io so che cosa possono avere passato. Sarà un modo per stare vicino a tante donne e tanti uomini che hanno vissuto settimane intere in trincea”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Pro memoria ad uso delle sinistre illuminate, progressiste e politicamente

LA CARENZA DI RADIOLOGI nello stabilimento ospedaliero di Corigliano VA

“Salve, mi scusi ma perché non chiudete tutto, Come a

“Le imprese del trasporto persone sono allo stremo. Servono rapidi

Ritiene la Corte che il complesso delle prove assunte, acquisite

Alcuni giorni fa sono state notificate 4 denunce ad aderenti

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.