AUMENTARE INDENNITÀ SINDACI E POI RIVEDERE ABUSO D’UFFICIO

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
pittella

Con una proposta di legge il cui primo firmatario è il senatore Luigi Zanda, e che ho sottoscritto insieme ad altri senatori del PD

Abbiamo raccolto una necessità inevasa da tempo anche per colpa della ipocrisia generale e dalla paura di intervenire sulle indennità e soggiacere ai colpi del populismo miope che fa di tutte le erbe un fascio. La necessità di soffermarsi sull’indennità di funzione dei sindaci e degli amministratori locali discende dalla delicatezza delle loro funzioni.
Da oltre un decennio i tagli lineari alla spesa pubblica, hanno colpito le responsabilità istituzionali di prossimità più importanti per la tenuta democratica del paese: i Sindaci.

Restituire dignità all’esercizio di funzioni tanto strategiche è indispensabile per avviare un vero investimento sulle comunità, essenziale per salvaguardare la coesione sociale del Paese.

È proprio un intervento sul trattamento economico dei sindaci e degli amministratori locali che renderebbe giustizia a una grave trascuratezza dello Stato e metterebbe in evidenza il valore che la Repubblica riconosce ai suoi sindaci. Un riconoscimento meritato e dovuto.

Rispetto all’attuale disciplina del trattamento economico – assolutamente sottodimensionata rispetto al reale impatto delle funzioni esercitate sia sul lavoro quotidiano del sindaco, sia sulla sua responsabilità giuridica e politica, sia infine sulla concreta esperienza di vita della comunità – un incremento ragionevole delle indennità spettanti ai Sindaci, che l’articolo unico del disegno di legge che presentiamo definisce nelle diverse misure, potrebbe senza dubbio contribuire, anzitutto, a riconoscere la specifica dignità del lavoro del Sindaco, ma anche a remunerare gli oneri che, in termini di responsabilità, tale lavoro inevitabilmente implica.

Ridare dignità agli amministratori locali e proteggere la loro funzione, questo il senso di questo ddl e di altri, sulla revisione dell’abuso d’ufficio e sulle incompatibilità, che come PD stiamo presentando.

Gianni Pittella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“Sono molto preoccupato della situazione che ci sarà a gennaio

Aumentano notevolmente le dosi di vaccino antinfluenzale che saranno a

Teatro Verdi di Pordenone “Arte a Teatro” al Verdi di

erdogan

La scoperta dei corpi di 13 turchi giustiziati in una

Per la nostra città è motivo di grande orgoglio essere

governo

C’è tanto lavoro da fare, dalla gestione della pandemia alla

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.