“bando per piantumazione nuovi alberi ha criticità”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
silvia piccinini

Ambiente. Piccinini (M5s): “bando per piantumazione nuovi alberi ha criticità”

La consigliera pentastellata elenca le criticità dell’attuale bando per la piantumazione di nuovi alberi e richiede un’azione maggiormente condivisa tra Giunta e Assemblea

Silvia Piccinini (Movimento 5 Stelle) con un’interrogazione fa il punto sul progetto di piantumazione messo in atto dalla Giunta regionale e che si propone la messa a dimora di 4 milioni e mezzo di nuove piante entro la fine della legislatura per migliorare la qualità dell’aria nei nostri territori.

Ricordando come l’atto originario fosse stato presentato lo scorso agosto, l’occasione della trattazione odierna consente, per la consigliera, di fare un controllo “su un bando che qualche criticità l’ha mostrata”.

A fronte di obiettivi particolarmente sfidanti (500mila nuove piante entro il 2020 e 4 milioni e mezzo entro la fine della legislatura), l’esponente 5 Stelle denuncia condizionalità e procedure che hanno largamente inficiato l’efficacia dell’attuale bando. “In particolare -continua la consigliera bolognese- desta preoccupazione leggere che il bando avrà un futuro se vi sarà interesse da parte dei vivai e se ci saranno i soldi per sostenere l’operazione”.

Piccinini, sottolineando le mancanze di una campagna di comunicazione che “oltre all’evento di Bobbio non sembra aver prodotto molto altro”, paventa anche lo scarso coinvolgimento di cittadini e associazioni a fronte di un eccessivo coinvolgimento di amministrazioni locali.

In fase di risposta, Irene Priolo, Assessore all’ambiente, difesa del suolo e della costa, protezione civile si è detta abbastanza soddisfatta di come il progetto si è sviluppato in questo primo mese di vita. “A fronte di 21 vivai coinvolti -spiega Priolo- si sono registrati ritiri di piante (180mila totali quelle distribuite fino ad ora) da parte di 13.500 cittadini, 152 associazioni e 287 enti pubblici”.

Priolo ha anche annunciato che entro la fine del mese di novembre si deciderà se prolungare, causa Covid, il bando attualmente in corso. L’Assessore ha poi informato dell’intenzione di emanare il prossimo provvedimento in maniera più strutturata, con un bando triennale e un maggiore coinvolgimento dei vivai.

Piccinini, in fase di replica, ha lodato la disponibilità al confronto per un prossimo bando di più ampio respiro, ma ha rilevato che fino ad ora non c’è stata traccia di interlocuzione tra Giunta e Assemblea. “Prendiamo atto della disponibilità offerta dall’Assessore Priolo -continua la consigliera- ma ricordo che di questo progetto non è stato fatto alcun passaggio neppure in Commissione. In generale, comunque, voglio sperare che nel prossimo piano triennale vengano abbandonati alcuni aspetti autoreferenziali per una migliore e più puntuale comunicazione nei confronti dei cittadini e una maggiore interlocuzione con tutti i soggetti politici dell’Assemblea”.

(Luca Boccaletti)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“Servono scelte nuove e una decisiva svolta da compire insieme

Uno all’inizio può sbagliare, ma perseverare nell’errore e non riconoscerlo

Manca solo che non sia mai nato, e diventa Dio.

Addio maestro, addio talento grandioso e incommensurabile. Franco Zeffirelli se

“Le scelte di Ness” ha coinvolto le insegnanti della scuola

salvini

“Questo non è il primo, né sarà l’ultimo campo rom

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.