HomeRegioniBELLUNO: Torna a crescere il turismo in città

BELLUNO: Torna a crescere il turismo in città

Agosto supera i numeri pre-Covid: I dati certificati diffusi dall’Ufficio Statistico Regionale sul turismo in città confermano il buon andamento del settore e registrano un dato importante: nel mese di agosto, le presenze hanno sfondato quota 35mila, superando così quelle degli stessi mesi nelle annate pre-pandemia

Una crescita continua, quella delle presenze turistiche nel capoluogo sotto le amministrazioni Massaro, che sono passate dalle 113mila del 2011 – anno precedente la prima elezione – alle 175mila del 2019, a cui ha fatto seguito un’annata segnata dalla pandemia e dal crollo verticale per i flussi turistici a livello mondiale, quando le presenze a Belluno scesero a 124mila.

Il 2021 ha però fatto registrare una decisa inversione di tendenza: nel periodo gennaio-agosto – ultimi dati disponibili – sono state già 113mila le presenze registrate, contro le 123mila degli stessi mesi del 2019, arrivando quindi già vicini alla migliore annata dell’ultimo decennio (nel 2020 erano state 87mila). In particolare, il mese di agosto 2021 è stato il più “frequentato” degli ultimi 10 anni con oltre 35mila presenze, superando anche l’agosto pre-Covid (34mila nel 2019); è dal 2017 che nel mese di agosto si registrano oltre 30mila presenze in città (il picco più basso nel 2020 con 31mila).

Tornano a crescere anche gli arrivi: 29mila nel 2021 contro i 23mila dello scorso anno, mentre nel 2019 erano stati 41mila: «Bene la crescita degli arrivi, ma Belluno si conferma città forte nelle presenze, segno – commenta l’assessora al turismo Yuki d’Emilia – che alla città viene riconosciuto il suo ruolo di porta di accesso alle Dolomiti e di base per la scoperta delle bellezze dei nostri territori».

«Si tratta di una ripresa prevedibile, visto il crollo dei flussi turistici del 2020 a livello mondiale, ma certo non potevamo aspettarci di tornare già quest’anno quasi ai livelli pre-pandemia, e quindi possiamo dirci molto soddisfatti, anche perché è ricominciato anche il flusso di viaggiatori stranieri. – continua d’Emilia – Avevamo già registrato buone sensazioni osservando i dati dei nostri uffici IAT e ci fa molto piacere che anche i numeri ufficiali della Regione confermino la ripresa del turismo in città.

Questi dati premiano la nostra città come meta attrattiva 365 giorni all’anno e sono il riconoscimento del lavoro fatto dall’amministrazione sulla promozione e sull’offerta turistica; visto il meteo e gli eventi degli ultimi due mesi, possiamo aspettarci che anche settembre e ottobre abbiano fatto registrare numeri positivi.

Se poi uniamo questi dati a quelli forniti dagli IAT di Piazza Duomo e del Nevegal, abbiamo la conferma che i nostri mercati sono fidelizzati, soprattutto nelle realtà dell’arco alpino, e che il lavoro sui target di riferimento funziona: chi viene da noi sa di trovare il contatto tra natura e città, la possibilità di ammirare stupendi paesaggi, di visitare spazi culturali e di praticare attività sportive a pochi passi dal centro città».

giornalista per un giorno

Articoli popolari