Bianchi: “A settembre tutti gli studenti in classe in sicurezza”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
scuola

“Voglio riportare a settembre tutti gli studenti in aula e in sicurezza”

Lo afferma il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in un’intervista a Repubblica. “L’obiettivo è avere tutti gli studenti in presenza, anche quelli delle superiori. E per farlo il nostro primo problema è garantire la sicurezza. La scuola oggi ha bisogno di certezze e siamo a lavoro per questo. Con il decreto sostegni abbiamo già dato 150 milioni alle scuole per la sicurezza sanitaria. Adesso, in accordo con il generale Figliuolo, stiamo facendo ripartire le vaccinazioni per tutto il personale scolastico: siamo al 70%, a settembre avremo tutti vaccinati”, precisa il ministro.

Occorrerà avere tutti i docenti in cattedra, ma sono oltre 200 mila insegnanti precari. Si parla di sanatoria, il M5S si oppone. “Io non intendo fare sanatorie”, sottolinea Bianchi. “Il problema però esiste e va affrontato. È chiaro che non nasce adesso e non è imputabile a questo governo. Il mio obiettivo è arrivare a un sistema a regime con concorsi annuali. Stiamo concludendo il concorso straordinario e prima possibile avvieremo i due ordinari già banditi. Nel prossimo decennio andranno in pensione 28-30mila insegnanti all’anno e dovranno essere sostituiti con assunzioni a tempo indeterminato. Sui precari bisogna tener conto delle diverse situazioni: chi ha specializzazioni, chi ha già superato concorsi, chi ha tanti anni di servizio.

Porremo attenzione alle persone, riconoscendo le loro esperienze professionali, e alle esigenze degli studenti, per garantire loro la continuità didattica”. Altro nodo della ripartenza sono le classi-pollaio. “La riduzione del numero di studenti per classe fa parte di un nuovo disegno del sistema scolastico a cui stiamo lavorando e che abbiamo già previsto nel Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Le cosiddette classi-pollaio riguardano in particolare le superiori dei grandi centri urbani”, spiega Bianchi. “Nelle zone interne e di montagna abbiamo il problema opposto: non riuscire a comporre le classi perché gli studenti diminuiscono a causa della denatalità. Andremo comunque verso classi ridotte progressivamente già dal prossimo anno”.Il ministro ricorda che “per settembre” è stato “confermato l’organico dei docenti, anche a fronte di una riduzione degli alunni”. “Anzi, avremo seimila unità in più tra insegnanti di sostegno e potenziamento. Inoltre, abbiamo già destinato un miliardo e 125 milioni alle Province per intervenire su edilizia e messa in sicurezza delle superiori”,

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

gallo

Sono aperti i termini per la presentazione delle domande di

scalfarotto

Dentro Italia Viva c’è più di quanto appaia a un

draghi

L’ estate con i turisti statunitensi, canadesi e giapponesi in

Il Teatro Comunale di Bologna è pronto a riaccogliere il suo pubblico

toccafondi

Caro Pd, così non va: da che parte stai? Italia

E’ quanto ha potuto verificare la Polizia di Stato durante

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.