Chi ha votato il MoVimento 5 Stelle il 4 marzo non è un coglione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
5stelle

Chi ha votato il MoVimento 5 Stelle il 4 marzo non è un coglione. Per un anno ti hanno fatto credere questo con un martellamento mediatico senza precedenti in cui è stata raccontata l’apocalisse, anziché la realtà delle cose.

Ampia parte dei giornali ti ha detto che l’Italia era finita, che lo spread, che i soldi sotto il materasso, che il ministro della disoccupazione… Che il Paese era un disastro per colpa del MoVimento e quindi che la colpa era tua, coglione, che li hai votati. Berlusconi te l’ha detto proprio in chiaro, rilanciato da tutti i media. Ti ha insultato dicendoti “guardati allo specchio e di a te stesso che sei un coglione”. Hanno messo in discussione la tua libertà di votare chi ti pare, chi ti convince, chi ha il programma migliore e la credibilità di portare avanti un progetto di cambiamento radicale. Ti hanno attaccato psicologicamente per difendere i loro interessi, le loro poltrone, i loro privilegi.

Adesso scopriamo che tutta questa storia era solo una fake news. L’Italia ricomincia a crescere, la disoccupazione cala e i posti di lavoro stabile aumentano. E questo si sta realizzando anche grazie a te che hai supportato il MoVimento per cambiare. Non sei un coglione, stai contribuendo ad avviare il cambiamento dell’Italia, in meglio. Alla faccia di chi vuole che tutto resti come è sempre stato per mantenere il suo potere e continuare a vivere di rendita.

Solo grazie a te, grazie a tutti quelli che come te non hanno mai smesso di crederci, se siamo qua e con voi possiamo continuare per cambiare anche in Europa. Non è il momento di fermarci. La data del 26 maggio è cruciale per l’Italia e per l’Europa, per te e per la tua famiglia, per i tuoi figli e per il tuo futuro.

Dobbiamo fare ancora tante cose è vero, ma la direzione è giusta. Sii orgoglioso di far parte di questa storia che sta iniziando a cambiare il volto dell’Italia e che di sicuro non è finita qua.

Continuare per cambiare. Anche in Europa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“Quando profitto, potere e barbarie si mescolano generano mostri”. Così

caldo

Nord Tempo stabile e in prevalenza soleggiato, seppur con il

L’Amministrazione revoca la delibera di Giunta con la quale candidava

vaccino

SUBITO LA VACCINAZIONE AGLI OPERATORI Genova – “In questo lungo

Con una sentenza clamorosa, ieri, la Corte costituzionale polacca ha

Domani mattina faremo parte della delegazione organizzata dall’Associazione Progetto Firenze,

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.