Con il Decreto Fiscale approvato colpiamo la grande evasione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
terremoto

Tempi duri per chi ha avidità senza limiti.
Pensate a questa storia scoperta ieri dalla Guardia di Finanza.

“Sisma-2016 Ricevono soldi pubblici, dichiarano zero, poi falliscono e con i soldi evasi acquistano 51 lingotti doro usando i fondi per l’accoglienza.
Scoperta frode da1,5 milioni di euro di soldi pubblici intascati dagli albergatori.”

Per colpire questo tipo di odiose truffe, abbiamo aumentato le pene per alcuni reati tributari a partire dalla dichiarazione fraudolenta, la cui pena massima sale a 8 anni.
Non è giustizialismo o stato di polizia, come dice qualcuno, ma certezza della pena e lotta a chi sottrae al fisco somme enormi, perché verrà toccato dal carcere chi evade almeno 100.000 euro per singola imposta.
Stiamo parlando di chi fattura milioni di euro e di chi si fa aiutare dai grandi studi tributari per inserirsi nelle pieghe delle legge italiana.
L’estensione della confisca per sproporzione per chi evade oltre 200.000 euro è un atto concreto e allo stesso tempo fortemente simbolico, visto che fino a ieri riguardava solo pochissimi reati, fra cui quelli di mafia.
Significa che a chi possiede patrimoni giganteschi, non giustificati dal reddito dichiarato, lo Stato può confiscarne una parte, a meno che il proprietario non riesca a giustificare la differenza tra patrimonio e reddito.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Roma  – “Sono tornati i responsabili? Crescono i rumors sulla

dimaio

Con prudenza e cautela, con lo stesso senso civico mostrato

Presentata la 4^ edizione del premio ideato da Viagginbici.com e

L’esplodere del coronavirus nelle regioni del Nord Italia, locomotiva del

Roma  – “A Pisa un uomo è stato arrestato per

Direzione Artistica Emiliano Bronzino Proseguono a gennaio gli appuntamenti audio

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.