Coronavirus, in un mese calato lo smog sul Nord Italia per via delle restrizioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
smog

Dopo quasi un mese di restrizioni, zone rosse e chiusure di scuole e attività imposte dal coronavirus, l’inquinamento nel Nord Italia è decisamente calato. Come mostrano le immagini del satellite Sentinel 5 del programma europeo Copernicus, i livelli di biossido di azoto, un marcatore dell’inquinamento, si sono infatti ridotti chiaramente. Segui gli aggiornamenti sull’emergenza coronavirus cliccando qui

I sensori Tropomi (Tropospheric Monitoring Instrument) a bordo del satellite hanno rilevato il progressivo ridursi della nube rossa di biossido di azoto, il gas nocivo emesso dai combustibili fossili, quindi in particolare dai veicoli a motore e dalle strutture industriali.

Un effetto simile è stato fotografato dai satelliti all’inizio di marzo in Cina, dove i livelli di biossido di azoto sono calati del 30%, attraverso le immagini raccolte dalla Nasa e dai satelliti di monitoraggio dell’inquinamento dell’Agenzia spaziale europea.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

locatelli

“C’è un ottimo ministro della Salute che fatto un egregio

La Guardia di Finanza di Gorizia ha eseguito un provvedimento

L`idea è semplice: tutelare tra le opere protette dal diritto

Luigi Di Maio

Non è questo il tempo della propaganda, ma del lavoro.

provenzano

Il ministro per il Sud e la coesione territoriale, Beppe

Nuovo report del Wwf Italia, dal titolo “Pandemie, l’effetto boomerang

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.