Coronavirus, On. Zucconi (FdI): ”Turismo nel dimenticatoio per colpa del governo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
turismo

Viareggio (LU) – “La totale assenza di misure specifiche per il turismo all’interno dei decreti d’emergenza è dovuta anche alla mancanza di un vero e proprio Ministero ad hoc. La prima risposta che il Governo dovrebbe dare a questo settore sarebbe l’istituzione di un Ministero del Turismo, storica proposta di Fratelli d’Italia. E’ passato più di un anno da quando è stata presentata in commissione Attività produttive una proposta di legge, condivisa col Presidente Giorgia Meloni, per l’istituzione del Ministero del Turismo e per risolvere i problemi fiscali, occupazionali e di liquidità dell’intero comparto. Ho proposto un Fondo per il sostegno dell’offerta turistica nazionale, così come finanziamenti agevolati per le aziende del settore e un credito di imposta per innovazioni e ristrutturazioni. Fratelli d’Italia ha anche previsto una TARI più congrua per le strutture ricettive, degli incentivi per favorire il turismo destagionalizzato, norme per facilitare le assunzioni, la reintroduzione dei voucher così come la totale deducibilità dell’IRAP per i lavoratori stagionali. Da Fratelli d’Italia il governo può prendere ottimi spunti per far ripartire il turismo finito nel dimenticatoio anche per colpa di un esecutivo poco attento a questo fondamentale comparto”. Lo afferma Riccardo Zucconi, deputato di Fratelli d’Italia e Capogruppo Fdi in Commissione Attività Produttive, Turismo e Commercio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

TORINO – Grande attenzione e sensibilità tra i sindaci del

draghi

L’ estate con i turisti statunitensi, canadesi e giapponesi in

I pazienti affetti da Sindrome di Sjögren, una malattia infiammatoria

L’economia del nostro Paese procede a passo di lumaca, anzi

travaglio

Dunque, ricapitolando. L’Innominabile, che anziché abolire il Senato voleva abolire

Sì all’espulsione di Luca Palamara. L’assemblea dell’Associazione nazionale magistrati ha

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.