COVID E INVASIONE CINGHIALI: AGRICOLTORI GIOVEDI’ A POTENZA DAVANTI ALLA REGIONE 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
cinghiale

Con la pandemia assalto a campagne e città

Anche in Basilicata, come nel resto d’Italia, non è mai stato così alto l’allarme per l’invasione di cinghiali che con l’emergenza Covid hanno trovato campo libero in spazi rurali e urbani, spingendosi sempre più vicini ad abitazioni e scuole fino ai parchi dove giocano i bambini. Gli animali selvatici distruggono produzioni alimentari, sterminano raccolti, assediano campi, causano incidenti stradali con morti e feriti e si spingono fino all’interno dei centri urbani dove razzolano tra i rifiuti con pericoli per la salute e la sicurezza delle persone. Una situazione che ha ormai oltrepassato il limite di guardia con gli agricoltori esasperati che giovedì scenderanno in strada, alle 10 e 30,  assieme ai vertici provinciali e regionali della Coldiretti, davanti alla sede della Regione Basilicata  a Potenza, con il coinvolgimento di centinaia di agricoltori, allevatori, pastori e cittadini e le dolorose testimonianze di chi è stato personalmente colpito ed ha paura per l’incolumità della propria famiglia. L’iniziativa si svolgerà in contemporanea in diverse regioni italiane,  e in  particolare a Roma, in piazza Montecitorio dove Coldiretti, alla presenza del presidente, Ettore Prandini e di rappresentanti delle istituzioni e della politica a livello nazionale, organizzerà la più grande protesta mai realizzata prima nella Capitale.   Per l’occasione sarà diffuso l’esclusivo Dossier Coldiretti su “Covid e l’assedio dei cinghiali in Italia”, sui rischi per la sicurezza, l’ambiente e la salute e le proposte concrete per garantire la sopravvivenza delle aziende agricole e la tranquillità dei cittadini.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Bene, bravo, bis! Come amanti che non vedevano l’ora di

salute

La nuova frontiera della robotica medica è in formato ridotto.

Un anno sta per chiudersi portandosi via il primo decennio

salvini

“Omo de panza, omo de sostanza”. Matteo Salvini chiude così

Al più presto entreranno a far parte della multiforme ma

Dalle 15 circa di mercoledì  migliaia gli utenti di Whatsapp,

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.