Covid Sardegna, una cena nel penultimo giorno di zona bianca si è trasformata in un focolaio: 43 contagi e un morto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
ristorante

Il 20 marzo, penultimo giorno di zona bianca in Sardegna, un imprenditore di Pula (Cagliari), Carlo Monni, ha festeggiato il suo 81esimo compleanno con una quindicina di parenti e amici al ristorante. Una cena che gli è stata fatale. E’ in quella occasione, infatti, che sarebbe stato contagiato dal Covid per poi morire il 6 aprile all’ospedale Santissima Trinità di Cagliari, dove era ricoverato da una settimana. Inoltre, la serata si è trasformata in un focolaio. Oltre alla comitiva riunita per i festeggiamenti, erano infatti presenti anche altri clienti. Come riporta L’Unione Sarda, accertati tutti i casi e e ricostruiti i tracciamenti a pochi giorni dal compleanno, l’Ats ha stabilito che le persone contagiate sono state in tutto 43.

Pochi giorni dopo la cena, Monni, che aveva ricevuto la prima dose del vaccino pochi giorni prima di quella serata, ha cominciato ad avvertire i primi sintomi (tosse e febbre). Poi il ricovero e la morte. Difficile stabilire chi abbia portato il virus al ristorante. Alcuni dei contagiati sono anche finiti in ospedale.

La cena si è svolta a Capoterra (Cagliari), uno dei comuni più colpiti della costa sud-occidentale dell’Isola, ora in lockdown fino al 20 aprile.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

I giallorossi escono dalla Coppa Italia: all’Olimpico lo Spezia vince

turismo

NELL’ESTATE 2020 RINCARI PER STABILIMENTI FINO AL +35% RISPETTO ALLO

Giudico inaccettabile che il presidente del Consiglio Conte abbia svolto

Tom Hanks, uno dei sopravvissuti al Covid-19 più famosi al

Roma – La crisi che ha coinvolto le auto diesel

salvini

“Ringrazio il Cardinal Ruini, che spero di poter incontrare, per

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.