Dazi: Gasparri “L’Italia e Ue rispondano con una web tax”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
gasparri

“Invece di piagnucolare sui dazi, il governo italiano e l’Europa intera dovrebbero rispondere con fermezza sul fronte della Web tax”. Lo afferma Maurizio Gasparri di Fi. “Non con piccoli prelievi, ma con tasse sostanziose a carico dei giganti della rete, Amazon, Google, Facebook e quant’altri, tutti con radici americane e tutti intenti ad arare i mercati internazionali, distruggendo l’economia, in virtù di un vantaggio competitivo derivante dalla sostanziale immunità fiscale. Non pagano quasi nulla e devastano le attività degli altri Paesi, sia nel commercio che nell’audiovisivo che in altri settori. Una super Web tax immediata sui profitti di questi colossi. Trump non gradisce, ma così si risponde. + un atto di giustizia verso le nostre imprese e a tutela dell’Unione Europea. Non i pannicelli caldi di Gualtieri o le chiacchiere evanescenti di Gentiloni. Una imposizione fiscale che decreti la par condicio, perché imprese, artigiani, commercianti e famiglie sono massacrati dalle tasse e i giganti della rete non pagano nulla. Una assoluta vergogna. Così si risponde. Invece vediamo che sul fronte della Web tax, anche in America, il nostro Paese rimane muto e in ginocchio. Un’autentica resa, una vergogna intollerabile”, conclude Gasparri.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Unanimità fra le forze politiche. Tra le novità l’adesione al

MANÙ MUNÁ® by Emanuela Rivellini – brand emergente di gioielleria

Il biennio 2020/2021 avrebbe dovuto segnare la svolta nella lotta

soldi

Novità in arrivo per uno degli organismi a tutela dei

Si è svolto a Vibo Valentia l’evento “Forestazione 2.0. Proposte,

Secondo il presidente del Consiglio il TAV si farà. Questa

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.