HomeattualitàEVASIONE FISCALE: SIAMO TUTTI GUARDIANI

EVASIONE FISCALE: SIAMO TUTTI GUARDIANI

L’evasione fiscale è uno dei mali più grandi del nostro Paese, come di tanti altri paesi nel mondo

Negli Stati Uniti l’evasione fiscale è punita con la detenzione e le pene sono severissime perché chi non paga le tasse causa un danno allo Stato togliendo risorse alle casse pubbliche. In pratica, chi evade le tasse sottrae risorse a tutti noi. In Italia abbiamo avuto persino un Presidente del Consiglio che invitava a evadere perché la tassazione era ritenuta eccessiva. E che sia alta nessuno lo mette in dubbio ma finché l’evasione avrà volumi così elevati sarà difficile ridurre la pressione fiscale. La tassazione garantisce infatti i servizi essenziali che lo Stato fornisce ai suoi cittadini (sanità, istruzione, trasporti ecc).

La tassa piatta (flat tax) che propone la Destra, assidua difensora dei privilegi dei ricchi, non risponde all’esigenza, sancita anche in costituzione, che ogni cittadino contribuisca al benessere del paese in maniera proporzionale al suo reddito. In questi giorni di riaperture mi sono trovato in varie occasioni a non ricevere lo scontrino fiscale a fronte di un acquisto. L’ho però sempre chiesto talora dovendo vedere il disappunto sul volto del mio interlocutore.

C’è poco da impietosirsi. Chi guadagna deve pagare le tasse allo Stato e ognuno di noi dovrebbe chiedere lo scontrino fiscale quando acquista un bene o un servizio o commissiona un lavoro. Lo so che molti mettono sul piatto della bilancia se convenga non pagare le tasse e dunque in generale pagare meno. So anche che enormi evasioni avvengono nel mondo della finanza ma ognuno ha il dovere di intervenire sulla realtà quotidiana che gli compete.

Chiedere lo scontrino fiscale è un dovere civico. Se non lo chiedete o non chiedete una fattura a un professionista perché pensate che vi convenga pagare meno, ricordatevi che così facendo i vostri figli o nipoti avranno una scuola più scadente e voi una sanità meno efficace. Inoltre c’è un’altra riflessione e che partendo dalla sanità ci ricollega all’evasione fiscale. Infatti, come abbiamo visto crollare il mito della sanità lombarda sotto il peso della pandemia, così la vulgata comune che vuole il Sud come la zavorra d’Italia viene smentita anche dai dati sull’evasione.

Nel 2019 su 113,302 miliardi di evasione nazionale, al Nord si sono evasi 53,130 miliardi, pari al 46,89% del totale, al Centro 25,124 miliardi, pari al 22,17% del totale, al Sud 35,048 miliardi, pari al 30,93% del totale. E se pensate che la città dove si commettono più reati fiscali sia Napoli, siete fuori strada: è Milano…!

Mauro Coltorti 

giornalista per un giorno

Articoli popolari