Fase 2, “rischio chiusura per 50mila imprese”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
protesta-balneari

“Il settore è devastato, ha perso 34 miliardi di euro a causa dell’emergenza covid-1, 50mila imprese rischiano di rimanere chiuse e 350mila persone per strada”. E’ il grido d’allarme espresso dal direttore generale di Fipe Roberto Calugi in rappresentanza del mondo della ristorazione, dell’intrattenimento e degli stabilimenti balneari durante un’audizione alla commissione Bilancio della Camera sul dl rilancio.

Calugi nell’esaminare le norme del provvedimento ha formulato varie richieste tra le quali l’estensione dell’abolizione del versamento della prima rata Imu per il 2020 al settore e una misura strutturale per la cessione del credito d’imposta sugli affitti, ha chiesto con decisione “più coraggio per il taglio del costo del lavoro, bisogna intervenire e abbattere il cuneo fiscale – ha rimarcato – anche agli imprenditori serve coraggio per restare aperti” ha concluso nel ricordare che le aziende che hanno riaperto nella prima settimana registrano cali di fatturato del 70%”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

salvini

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana:

notizie in un click

La gioia irrefrenabile di Alberto Cerri e le lacrime di

E’ partita l’8 giugno dal Regno Unito la campagna “Race

Domenica 14 luglio il lungomare di Marina di San Nicola

Estese a tutta Italia le limitazioni delle aree più colpite

Una giornata di violenza e scontri culminata con l’uccisione del

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.