Fedeli (Pd): “Rai? Grave che si discuta di orientamento sessuale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
fedeli

Valeria Fedeli, capogruppo Pd in commissione di Vigilanza Rai, dichiara: “Considero molto grave e del tutto improprio che mentre le cittadine e cittadini italiani sono alle prese con sofferenze e difficoltà dovute al Covid, il principale argomento di discussione in Rai e sulla Rai sia l’orientamento sessuale di chi ci lavora”.

L’ex ministro dell’Istruzione poi prosegue: “Al di là del fatto che si tratta di polemiche squalificanti per chi le agita e certamente non per i professionisti citati e coinvolti, in una fase in cui tutti i soggetti pubblici sono chiamati a un grande sforzo di ricostruzione e a una prova di responsabilità verso il Paese, è di competenza, qualità, risultati, prospettive, obiettivi che si dovrebbe discutere, non certo di gossip. E su questo piano credo che per il direttore di Rai Uno Stefano Coletta parlino i successi ottenuti sia a Rai Tre, con la scelta vincente di uno storytelling popolare, fatto di storie di persone comuni, le conduzioni al femminile, il rinnovamento dei linguaggi, che nella rete ammiraglia dove, ad esempio, il Festival di Sanremo ha segnato il record di ascolti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Fiori freschi nei Cimiteri comunali per essere vicini a chi

MARZO 2020 – “Noi non possiamo più aspettare, nei prossimi

Competitività autotrasporto italiano, la ricetta secondo Contship: redistribuire parte del

n relazione all’emergenza Covid-19 la Fondazione Edmund Mach e l’Azienda

Assessore Piani: la Regione investe in formazione operatori e sensibilizzazione

RITORNO DA OPINIONISTA SU CLASS CNBC, IL CANALE DI MILANO

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.