Il Governo difende il decreto Genova dal ricorso di Autostrade

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
fraccaro

Il crollo del Ponte Morandi è stato una tragedia annunciata, causata dalla volontà di sacrificare la sicurezza in nome dei profitti. Con il decreto Genova abbiamo escluso Aspi dalla ricostruzione, affidandola invece ad un Commissario straordinario con spese a carico del concessionario. Autostrade ha ritenuto di presentare ricorso contro questa decisione portando la questione fin davanti alla Corte costituzionale.

Con il crollo del ponte hanno perso la vita 43 persone, che non possono rimanere senza giustizia. Per questo ho firmato la costituzione in giudizio del Governo in merito al ricorso alla Consulta. Un atto non scontato che ci consentirà le ragioni per le quali abbiamo evitato di affidare la ricostruzione a chi doveva garantire la sicurezza del Ponte e dei cittadini.

È una decisione politica chiara e doverosa in nome di chi quel giorno ha perso la vita, dei familiari delle vittime, di una città ferita e del Paese intero che chiede a gran voce di accertare le responsabilità e di garantire un percorso di riscatto civile, sociale ed economico dopo quella tragedia.

L’Italia, ancora una volta, dimostrerà di sapersi rialzare.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

buffagni

“Da rivoluzione a evoluzione – Proposte e contributi per gli

meloni

“Questa e’ la rappresentazione di una politica che vive dentro

Secondo dati forniti questa mattina dall’Inps circa 3.300.000 cittadini percepiscono

L’Umbria ha perso “credito”: in un anno chiuse 24 filiali

L’amministrazione 5 stelle si è opposta in ogni modo all’arrivo

Washington attende risposte da Roma alla richiesta di inviare truppe

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.