Il Governo trasferisca all’Fsba le risorse già stanziate e allunghi il periodo di sostegno al reddito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
artigiani

CNA lancia un appello al Governo: trasferisca immediatamente e interamente le risorse stanziate per il sostegno al reddito dei lavoratori dell’artigianato tramite il Fondo di Solidarietà Fsba. Dei 765 milioni assegnati con il decreto Rilancio solo 248 sono stati resi disponibili, dopo quasi 40 giorni, e immediatamente erogati dal Fondo, ma di questo passo si arriverà a Ferragosto per liquidare a 800mila dipendenti gli assegni relativi alle retribuzioni di aprile. Una situazione vergognosa che umilia i lavoratori e mette in grande difficoltà i datori di lavoro artigiani. CNA chiede l’immediato sblocco dei fondi, rinviando tutti i dovuti e rigorosi controlli sulla loro gestione da parte di Fsba.

CNA sollecita, altresì, la disponibilità di risorse aggiuntive per 500 milioni di euro, necessari a soddisfare le richieste di prestazioni pervenute fino al mese di maggio per il COVID-19. Per molte imprese inoltre le diciotto settimane stanziate dal Governo sono terminate ed è oramai evidente che è necessario prolungare il sostegno al reddito. Questioni ineludibili in attesa di una risposta tanto chiara quanto tempestiva.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

carnevali

“Capiamo le difficoltà di Forza Italia in evidente calo di

“Partecipiamo alle consultazioni, abbiamo rispetto delle Istituzioni, perseguiamo il bene

bici

GRANFONDO STELVIO SANTINI 2021: LA JERSEY UFFICIALE ECOSOSTENIBILE COORDINATA CON

“Piena solidarietà ad Armando Siri, è una follia che il

Tornano le polemiche su un presunto emendamento ‘blocca- #sgomberi’ contro

“Abbiamo firmato un accordo di cassa integrazione valido fino al

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.