Il lavoro sommerso nel nostro Paese coinvolge 3 milioni di persone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
caporalato

Sono i dati del V Rapporto Agromafie e Caporalato che conferma un quadro drammatico, in particolare per il settore agroalimentare, dove si calcola che siano 180mila le persone vittime del caporalato e dell’illegalità

E questo nonostante una legge, quella contro il caporalato e il lavoro nero in agricoltura approvata durante il Governo Renzi, che funziona e garantisce da anni risultati importantissimi. Ma una legge, per quanto ottima, non è sufficiente a sconfiggere in radice una piaga così profonda. La sconfitta del caporalato e della intermediazione criminale del lavoro, il contrasto al lavoro nero si affermano se si afferma, dovunque, la prevenzione volta a conquistare terreno, la legalità, l’incrocio regolare domanda e offerta di lavoro, accompagnati da una rete di servizi in cui il pubblico è snodo nevralgico.
Sono questi gli obiettivi che ci hanno orientato nell’impegno al Ministero delle Politiche agricole e al Tavolo del Piano triennale per la prevenzione al caporalato.
E’ questa la ragione della battaglia portata avanti per la regolarizzazione del lavoro irregolare, italiano e straniero, nelle case e in agricoltura, ma la cui urgenza si è acuita con l’avanzare dell’emergenza covid per garantire lavoro dignitoso, salute e sicurezza a tutti i lavoratori e all’intera comunità.

E’ noto che avremmo voluto fosse estesa anche ad altri settori. Siamo stati osteggiati, su questo e altro, fin dall’inizio ma non abbiamo mai smesso di credere nella giustezza delle nostre ragioni e nel diritto alla dignità. Soprattutto non abbiamo mai avuto esitazioni nel sapere che se lo Stato arretra o si distrae, la criminalità mafiosa avanza.

Il caporalato si sconfigge con più legalità, più concorrenza leale, più difesa delle imprese sane, più controlli, smantellamento degli insediamenti informarli. Il nostro impegno continua, e continua la sollecitazione che abbiamo rivolto nei mesi scorsi: vaccini anche per le lavoratrici e i lavoratori stranieri irregolari. La salute è un diritto di tutti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

CODACONS: MA CALO NON VALE PER TUTTI GLI ASSICURATI. NEOPATENTATI

Questa estate Horca Myseria propone diverse opportunità nei mari che

«Solo un anno fa in pochi ci credevano! Da marzo,

Regina Cassolo Bracchi, in arte Regina, tra le artiste innovative

La firma era stata annunciata nei giorni scorsi ed ora

Collaborazione tra Belluno e Senigallia Accordo per la reciproca promozione

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.