IL NOSTRO #GRAZIE AI LAVORATORI E ALLE LAVORATRICI DELLA #SANITA’

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
2

La comunità di Potere al Popolo! #Firenze ha voluto esprimere quello che proviamo ogni giorno nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici che si sobbarcano il peso della sanità pubblica.

Abbiamo voluto dir loro un enorme GRAZIE per la professionalità, per i sacrifici quotidiani, per non arrendersi davanti alle difficoltà di queste ore, per i tanti bocconi amari buttati giù di queste settimane. GRAZIE per fare il possibile, e spesso anche l’impossibile, per salvare vite, per garantire la salute del nostro popolo.

Una classe dirigente ipocrita li ha definiti “eroi” per qualche settimana, per poi abbandonarli senza ritegno. Nei 9 mesi dallo scoppio della pandemia nulla o quasi è stato fatto per mettere in sicurezza gli argini che avrebbero dovuto contenere la nuova ondata della pandemia, nonostante le loro grida di allarme, le loro indicazioni, non si siano mai sopite. Sono stati minacciati di sanzioni, provvedimenti disciplinari di ogni sorta, sono stati colpiti da dure reprimende, tutte le volte in cui non hanno piegato la testa davanti a quelle autorità che vorrebbero ancora minimizzare la crisi in cui versa il nostro servizio pubblico, per puro calcolo politico.

Per non parlare di coloro che lavorano nelle Rsa convenzionate o negli appalti, dove da tempo le amministrazioni pubbliche hanno deciso di ricorrere alla gestione privata, dove i diritti e le condizioni di lavoro sono peggiori che nel pubblico. Dove, soprattutto, i tamponi sono arrivati in ritardo e solo da poco si è prescritta la separazione tra positivi e non positivi, dove si lavora in condizioni di sicurezza peggiori.

Oggi i nostri medici, i nostri infermieri, i nostri operatori sanitari sono essi stessi troppo spesso vittime di contagio. Nella sola #Toscana, secondo i sindacati, sono circa 1200 gli operatori sanitari risultati positivi. Pochi, troppo pochi per poter affrontare l’emergenza, i lavoratori della sanità. E così 12 ore al giorno in corsia, non conoscono turni. Non possono arrendersi alla stanchezza, in alcuni casi sono stati privati anche del diritto alle ferie. Il tutto perché una classe dirigente miope non sa cosa significhi “programmare”, al massimo, come Giani, sa farsi portavoce delle richieste di Confindustria.

Per 20 anni politici di ogni colore hanno massacrato la sanità pubblica per fare cassa: ospedali chiusi, reparti ridimensionati, personale strutturalmente sotto organico, nessun passo per rafforzare la medicina territoriale e l’assistenza domiciliare.

Dopo 8 mesi dal primo lockdown, la sanità è ancora fortemente ridimensionata rispetto al numero di operatori di cui ci sarebbe bisogno. Le 5000 assunzioni sbandierate da Giani, in un universo fatto di precariato e senza un adeguato scorrimento delle graduatorie, non erano vere assunzioni e non hanno risolto nulla.

Se l’emergenza Covid fosse davvero una guerra come vanno ripetendoci, allora i “generali” dovrebbero essere sottoposti alla legge marziale per tradimento della patria. Perché stanno mandando al massacro i nostri medici e tutti gli altri operatori. E in gioco c’è la nostra patria, cioè la salute del nostro popolo. Qualcuno riesce a immaginare qualcosa di più prezioso?

NON CHIAMATELI EROI SE POI NON ASSUMETE!
INVIATECI LE VOSTRE TESTIMONIANZE!
Diamo voce ai lavoratori e alle lavoratrici della sanità

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Giovedì 1 agosto si apre un nuovo mese al Panorama

COVID: CON LA CRISI CRESCE IL RICORSO A COMPRO ORO

papa

Un forte discorso con ampie aggiunte a braccio, quello rivolto

“Non è il mio funerale ma credo che sia la

Eroi su due ruote. Così sono stati definiti al pari

Questa è l’antimafia dei fatti. La ministra Lamorgese e gli

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.