LA FORMA PARTITO AUTONOMA ED ORGANIZZATA È INDISPENSABILE PER I COMUNISTI

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
106100383_4078131555591610_1919349799646310862_n

1) i movimenti vanno e vengono. Si pensi alla grande ondata del ‘68 ed alla fine che hanno fatto molti dei suoi leaders.

2) ci sono movimenti di massa di carattere reazionario (tale è stato il fascismo) o dall’ideologia torbida e confusa (si pensi al movimento, celebrato da tutta la stampa e dai governanti occidentali, che ha accompagnato la marcia della torcia olimpica e che non ha esitato ad aggredire persino una ragazza costretta sulla sedia a rotelle. Prendiamo i movimenti progressisti, ad esempio quelli schierato senza se e senza ma al fianco del popolo palestinese: cosa ha fatto il PRC di Bertinotti per sostenere tale movimento? Di fatto Bertinotti non ha solo combattuto la forma partito necessaria per l’emancipazione delle classi subalterne, ha anche sabotato i movimenti più chiaramente progressisti. La liquidazione del partito caro alla tradizione che da Marx va a Lenin penalizza anche i movimenti progressisti.

E’ da tener presente che, prima ancora dei partiti comunisti, già i partiti socialisti della Seconda Internazionale sono stati il bersaglio costante della polemica borghese. Nell’Ideologia tedesca Marx e Engels chiariscono che il potere della classe dominante si fonda sul monopolio della «produzione spirituale», e ben si comprende che la borghesia non ami partiti che si propongono per l’appunto di spezzare questo monopolio e di creare un contropotere già a livello spirituale e ideologico.

Senza accorgersene, nel rifiutare la forma-partito, una certa sinistra ha finito con l’introiettare le posizioni della borghesia.”

(Domenico Losurdo)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

“La riorganizzazione del ministero dello Sviluppo economico, partita da Di

Abbiamo una percezione nel mondo di un’Italia che è colpita

Abbiamo avuto un costruttivo confronto con il consiglio Comunale sulle

ZAIA, “NONOSTANTE IL COVID NON CI SIAMO DIMENTICATI DI NESSUNO”

. La madre è inglese, fa la ballerina. Il padre

Trieste- “Nei settori della logistica e del trasporto delle merci

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.