Lopalco: “Plasma non è soluzione ma arma in più”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
provette

La cura con il plasma “non è la soluzione al problema, altrimenti il problema sarebbe già stato risolto, e non è una scoperta recente: è un vecchio principio di terapia, utilizzato già in Cina e in America. L’evidenza iniziale di efficacia di questa terapia è abbastanza buona quindi è sicuramente un’arma in più, soprattutto per curare i casi più seri. Resta il grosso problema legato alla disponibilità del plasma: ci devono essere i donatori che devono essere soggetti guariti da poco, perché la quantità di anticorpi nel sangue tende a diminuire, e gli anticorpi nel plasma devono essere di qualità e quantità sufficiente per essere utilizzati nella terapia. Un’arma in più ma non la soluzione a tutti i mali di questo maledetto virus”. Così Pierluigi Lopalco, ordinario di Igiene all’Università di Pisa e responsabile del coordinamento regionale emergenze epidemiologiche dell’Agenzia regionale strategica per la salute e il sociale della Regione Puglia, ospite di 24 Mattino su Radio 24.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

La clown umanitaria libanese è la prima donna ospite del

gasparri

“Non accetto intimidazioni da parte dell’Usigrai. Da parlamentare, da giornalista

Giuseppe Conte scende in campo e difende a spada tratta

“Alcuni hanno parlato di una eroina, di disobbedienza civile. Io

L’ispettore Avraham è un poliziotto israeliano di Tel Aviv, molto

In questi giorni estivi in cui le temperature salgono e

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.