MANOVRA, CONTRO LA PLASTIC TAX SIAMO PRONTI AL PRESIDIO

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
75339383_2321331361326884_5177069603397828608_o

Sulla plastic tax siamo pronti a scendere in piazza, è una misura contro i lavoratori e va modificata. Ci appelliamo a Governo e Parlamento affinché tramite il lavoro sugli emendamenti si concentri l’imposta, ad esempio, sulle plastiche che non sono idonee a subire più rigenerazioni per essere riutilizzate. Perché al momento, di fatto, si tratta di una misura che tartassa le famiglie, il lavoro e le imprese, tassando quella plastica che viene raccolta, riciclata e riutilizzata in molti settori industriali fornendo il maggior gettito ai Comuni e al sistema della raccolta.
Con la plastic tax si rischia di dare un duro colpo a diversi settori, compresa l’industria alimentare, nonostante le molte realtà produttive italiane che da tempo stanno facendo innovazione e ricerca ottenendo risultati virtuosi quanto a impatto ambientale ed economia circolare. In epoca di atteggiamenti antiscientifici, è difficile far passare il messaggio che il problema non è la plastica in sé, ma l’uso che ne facciamo e il modo in cui viene smaltita. La politica non dovrebbe accodarsi all’oscurantismo, dovrebbe elaborare soluzioni ascoltando il mondo del lavoro e chi opera ogni giorno sul campo.
Torniamo a chiedere di confrontarsi con imprese e parti sociali per pianificare una vera transizione green dell’economia italiana. Occorre definire un percorso industriale e legislativo su riciclaggio e recupero dei rifiuti per raggiungere gli obiettivi della Strategia Plastica promossa dalla Commissione Europea, che non a caso fa leva su obiettivi di raccolta e selezione dei rifiuti, sul riciclaggio di oltre la metà dei rifiuti in plastica generati in Europa, e sul principio ‘chi inquina paga’: qui invece siamo al paradosso, viene seguito il principio ‘chi lavora paga’. Siamo dunque pronti a manifestare coinvolgendo se favorevoli anche Flai-Cgil Nazionale e Uila Nazionale, per presidiare Montecitorio e scongiurare l’approvazione di questa misura nel Ddl Bilancio 2020.

Onofrio Rota, Segretario generale Fai Cisl

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Il Decreto Interministeriale del 2 febbraio 2021 – repertorio n.

L’Italia non viaggia in metro. Negli ultimi due anni neanche

Recentemente avevamo presentato il progetto Savager di Arpa Lombardia, un

“Desidero rivolgere il mio saluto più cordiale ai partecipanti e

Un nuovo dispositivo per risolvere il problema ai bambini che

CODACONS: CAOS TOTALE A POCHE SETTIMANE DALL’AVVIO DELL’ANNO SCOLASTICO, LA

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.