Massarosa ricorda la strage del 29 giugno 2009 a Viareggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
treno

Ricordare perchè certi tragici errori non vengano più ripetuti. L’amministrazione comunale di Massarosa si stringe attorno ai famigliari delle vittime della strage del 29 giugno 2009 a Viareggio causata dal deragliamento di un treno e che causò 32 vittime.

“L’intera Versilia – afferma il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini – non può e non deve dimenticare quello che è successo quella terribile notte alle 23.50. Pieno sostegno da parte nostra all’associazione Il Mondo Che Vorrei Onlus Viareggio, che dai primi giorni dopo la tragedia porta avanti un lavoro prezioso di memoria e di denuncia sulla strage di Viareggio attraverso l’impegno dei famigliari delle vittime. Siamo vicini alla comunità di Viareggio e anche se stasera non ci sarà l’ormai consueta fiaccolata il nostro pensiero”.

“Il 29 giugno – prosegue il presidente del consiglio comunale Claudio Marlia – è una data che non si dimentica, è il giorno in cui 32 innocenti persero la vita per un incidente che doveva essere evitato. Anche in questa giornata particolare, in cui non si terranno le solite celebrazioni in città per ricordare la strage a causa delle disposizioni per l’emergenza coronavirus, siamo vicini alla città di Viareggio e in particolare a chi ha perso una persona cara in quella notte. Assieme a loro continuiamo a chiedere giustizia e verità”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

L’intervento è durato circa tre ore. Si prevedono sette giorni

Dopo che a nulla sono servite petizioni, proteste di noti

Dopo settimane di discussioni e confronto, l’Italia ha dato il

“L’aumento esponenziale dei tentati suicidi e degli atti di autolesionismo

cile

Nel pomeriggio di venerdì 8 novembre nell’aula magna dell’Istituto tecnico

Tutto quel che c’è da sapere per effettuare per tempo

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.