Non abbiamo ancora raggiunto il picco. Da oggi partono le settimane più rischiose, restate a casa!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
conte

Ci siamo dentro. Sono iniziate le da oggi le due settimane più rischiose. Per questo, ora più che mai, bisogna evitare in tutti i modi gli spostamenti non assolutamente necessari. È il momento dei sacrifici, delle scelte responsabili.

Sono le parole del premier Giuseppe Conte, che rivolge un appello agli Italiani attraverso un’intervista al Corriere della Sera.

“Se continueremo a rimanere a casa evitando contatti a rischio, saremo più efficaci nel contenere il virus. Gli scienziati ci dicono che non abbiamo ancora raggiunto il picco, queste sono le settimane più rischiose e ci vuole la massima precauzione. Non possiamo abbassare la guardia. È la sfida più importante degli ultimi decenni, per vincerla serve il contributo responsabile di 60 milioni di italiani”.

“Dobbiamo attendere qualche settimana per verificare i risultati delle nostre decisioni, ispirate alle indicazioni del comitato tecnico scientifico. Per il resto non servono nuovi divieti, ora è importante rispettare scrupolosamente quelli che ci sono”.

“Le attività motorie sono consentite, ma andare a correre tutti insieme è vietato. Bene hanno fatto i sindaci a chiudere i parchi e bene fanno i vigili a contrastare gli assembramenti. Questo purtroppo vale anche per le chiese. So che sto chiedendo tanto. Ma dobbiamo predisporci ad affrontare il picco del contagio ed è bene restare tutti a casa”.

“Il mondo delle imprese è chiamato a una sfida molto dura. Molti hanno chiuso e chi è aperto deve garantire ai lavoratori un adeguato livello di protezione. Questo decreto non sarà sufficiente. I danni saranno seri e diffusi, occorrerà varare un vero e proprio piano di”ricostruzione”. La Guardia di finanza interverrà duramente contro i comportamenti speculativi di chi impone prezzi fuori mercato, o lucra condizioni di vantaggio nelle produzioni dei beni di prima necessità. Dopo il coronavirus nulla sarà più come prima. Dovremo sederci e riformulare le regole del commercio e del libero mercato”.

Aiuteremo l’Italia a rialzarsi e sono convinto che ce la faremo”.                                                                     fonte  https://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/settimane-picco-contagi/?fbclid=IwAR1R5a0wPSPiB58b2-5yez_oA7RvdFlHnWHecXNo4uegBIksT4HWpcx6Ctk

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Greta Thunberg, che rifiuta di volare per evitare di danneggiare

Il Garante per la protezione dei dati personali ha multato

GENOVA – “Italia Viva non sta a rimorchio di una

renzi

Senatore Matteo Renzi, nel giorno in cui esplodeva la guerra

capua

“La pandemia è la prova che non possiamo strafare e

I COMPLIMENTI DI ZAIA: “ALTRO CHILO DI VELENO SPAZZATO VIA”

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.