PRESIDI: ‘CON CONTAGI A SCUOLA STOP SARÀ DA VALUTARE CON L’ASL’

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
scuola

CODACONS: CAOS TOTALE A POCHE SETTIMANE DALL’AVVIO DELL’ANNO SCOLASTICO, LA SCUOLA DEVE RIPARTIRE SOLO IN PIENA SICUREZZA

DOPO L’ASSURDA STORIA DEI BANCHI MONOPOSTO INCERTEZZE ASSOLUTE SUI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE, LE CLASSI POLLAIO E LA SICUREZZA DEGLI EDIFICI

Il Codacons torna sul tema della scuola e contesta la generalizzata confusione che sta emergendo in queste settimane, proprio mentre il rientro a scuola si avvicina e studenti, genitori e personale scolastico avrebbero invece bisogno di certezze e chiarezze definitive, e chiede di autorizzare il ritorno sui banchi solo in presenza di condizioni di assoluta sicurezza per studenti e lavoratori della scuola.

Dopo il caso degli “innovativi” banchi con le rotelle, da cui è emerso un enorme spreco per le casse pubbliche, sul tavolo restano tanti, troppi argomenti scottanti: dai dispositivi sanitari necessari per garantire il via libera al rientro a scuola alle “classi pollaio”, dal tema della sicurezza degli edifici alle eventuali misure di contenimento di casi di contagio, tutto sembra avvolto da una cappa di confusione assoluta. Una confusione incredibile se consideriamo che mancano poche settimane all’avvio dell’anno scolastico.

Se è vero che “le scuole non vanno solo riaperte”, ma “dobbiamo fare in modo che poi non richiudano”, come ha scritto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina su Facebook, non si capisce in che modo tali encomiabili proponimenti possano essere realizzati in un contesto tanto caotico. Il rischio, tangibilissimo, è che poco o nulla sia pronto alla metà di settembre, e che – al solito – disagi, mancanze e rischi per la sicurezza ricadano sulle vittime abituali, gli studenti e il personale scolastico in servizio.

In un marasma di informazioni che si contraddicono, e mentre i contagi tornano a salire, insegnanti e presidi sembrano spiazzati dalle continue giravolte del governo – giravolte che, ancora una volta, non sembrano avere un senso di logica: sembra insomma che entro il 14 settembre, data prevista per la riapertura degli istituti, sarà impossibile preparare adeguatamente gli edifici per salvaguardare la salute di docenti e studenti.

“Se i rischi per la sicurezza persisteranno sarà meglio pensare per tempo a soluzioni alternative, senza forzare la mano o avallare misure-tampone destinate a un sicuro insuccesso”, dichiara il Presidente del Codacons Carlo Rienzi. “Studenti e personale scolastico hanno diritto a scuole sicure, classi adatte e a tutto il necessario per una corretta didattica: non è accettabile imporre a loro i costi, anche sanitari, di problemi che la scuola si porta dietro da anni”, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

poverta

L’AQUILA – Sono 896.173 le domande di Reddito e Pensione

bancomat

Fonti di Palazzo Chigi riferiscono che, alle 8,00 di mercoledì

inter

I nerazzurri conquistano il 19esimo scudetto della loro storia con

Questo il testo dello striscione esposto dai militanti di CasaPound

– “Come avevamo ampiamente anticipato nei giorni scorsi sta andando

Dopo diversi decenni in cui i ministri dell’istruzione hanno fatto

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.