Renzi: “Fabbriche ben gestite più sicure di ospedali”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
renzi

“Bisogna riaprire subito. Con tutti i dispositivi di sicurezza, ma subito”. Lo dice il leader di Italia Viva Matteo Renzi in un’intervista al ‘Sole 24 ore’, il giorno dopo la proroga del lockdown fino al 3 maggio decisa dal Governo: “Ho l’impressione che in troppi non si rendano conto del disastro economico e occupazionale che rischiamo -dice l’ex premier-. Discutiamo di rincorrere i runner o di quante volte una famiglia porta fuori il cane: nel frattempo, però, sta saltando il sistema produttivo. E quello italiano rischia più degli altri”.

Bene la riapertura delle librerie ma “quando penso alla ripartenza, penso alle fabbriche non alle cartolerie. Perché Pasini può produrre acciaio in Germania e non in Italia? Perché la Fila può preparare matite in Francia e non in Italia? Perché la Saxa Gres di Borgomeo e migliaia di piccole e medie imprese perdono quote di mercato perché i competitor europei sono aperti e noi no? Gli europei, non i coreani. Bisogna riaprire. Ci sono oltre cento morti tra i medici: le fabbriche ben gestite sono più sicure degli ospedali e delle case di riposo”.

Sulla proposta del contributo di solidarietà, aggiunge: “Chiedere un contributo a chi guadagna più di 3.000 euro netti al mese significa colpire come prima categoria i medici. Se ci pensate, è incredibile: la mattina li chiamano eroi, la sera provano a spennarli. La proposta del Pd è un autogol pazzesco: non è una tassa sui ricchi, è una tassa sui medici. Quando l’ho letta -sottolinea Renzi- mi sono ricordato perché abbiamo diviso le nostre strade: potremo anche restare al 5% ma noi non siamo e non saremo mai il partito delle tasse”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

erdogan

La Turchia non riuscirà ad affrontare un altro flusso di

violenza

ll Servizio analisi criminale – che opera nell’ambito della direzione

ASSESSORE MARCATO, “VICINANZA E GRATITUDINE CON L’INVITO A NON MOLLARE”

raggi

Ricordo quando appena eletta, l’establishment la ignorava negli incontri ufficiali,

Il senatore leghista replica alle accuse del rapper Simone Pillon

“Abbiamo quattro mesi invernali lunghi davanti a noi. La luce

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.