Renzi scommette sulla doppia cifra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
renzi salvini

Un progetto “ambizioso”, che guarda a un orizzonte “di lungo termine” e che ha come obiettivo quello di “conquistare il campo aperto che si libera al centro”. La base renziana sta con il suo leader, ne condivide linea e visione e non crede ai sondaggi, che per ora ‘inchiodano’ Italia viva sotto il 5%.

Dopo l’intervento di un’ora e mezza di Renzi, i militanti e iscritti a Italia viva, arrivati da tutta Italia negli Studios di Cinecittà per la prima Assemblea nazionale, sono pronti a raccogliere e rilanciare la sfida di Renzi: dettare l’agenda del governo, indicare la strada e la rotta per sconfiggere il populismo salviniano, presentarsi alternativi al progetto di Zingaretti di un campo largo riformista assieme ai 5 stelle.

L’ex premier non mostra attenzione ai sondaggi, almeno è questa l’immagine che intende dare. Va sul concreto, punta alla ‘sferzata’ che vuole dare al governo sui temi concreti. E mostra anche indifferenza alle critiche: “Quando non sanno che dirci ci dicono che abbiamo solo il 4%. Se col 4% riusciamo a combinare tutta questa cosa, immaginate cosa riusciremo a fare quando arriveremo all’8 o al 10%, Noi siamo riformisti che sognano e che non hanno solo una lista di cose da fare”, sostiene in un passaggio dell’intervento.
Lo sbarramento al 5% non preoccupa

L’obiettivo, anche questo condiviso dalla base, è divenire l’ago della bilancia, non solo di oggi, ma soprattutto nel futuro. E la legge elettorale proporzionale può aiutare. Per questo, Italia viva conferma convintamente il ‘Brescellum’: “Noi siamo convinti che la soglia di sbarramento debba restare al 5%”, afferma il coordinatore renziano Ettore Rosato.

I numeri, la base ne è certa, arriveranno, soprattutto quando “il simbolo di Italia viva inizierà ad esserci alle elezioni”, è la convinzione. Una piccola percentuale, invece, guarda se non con preoccupazione ma certo con un po’ di prudenza ai sondaggi e ritiene che difficilmente si potranno raggiungere numeri a doppia cifra. Ma il tempo “sarà galantuomo”, dice il leader, e lo ripetono come un mantra anche i militanti arrivati a Roma.

Del resto, osserva Brunella, provincia di Firenze e renziana doc, “le sfide si fanno e vincono sempre guardando al domani, non all’oggi. E poi, se è vero che contiamo poco, che Renzi ha solo il 4%, perché lo attaccano tanto? Se uno non conta nulla non importa ciò che dice”, incalza, convinta che “i bambini si crescono con pazienza e tempo, non di fretta”. Per Stefania, arrivata da Bolzano, “dobbiamo uscire dalla logica dei sondaggi e delle percentuali. La strada tracciata da Renzi è molto ambiziosa, e bisogna avere una visione a lungo termine, serve lungimiranza. Certo – ammette – c’è tanto, molto da fare, ma l’obiettivo è assolutamente fattibile.

Condivide Mario, militante “convinto” di Roma: “Il progetto di Renzi è ambizioso ma è a lungo termine e noi dobbiamo distinguerci come alternativi rispetto al Pd e ai 5 stelle, siamo riformisti”. Per Mario, quindi, “il 5% di oggi non è veritiero, cresceremo”. Elisabetta, anche lei romana, tiene a spiegare che, a differenza di molti militanti di Iv, lei non era iscritta al Pd, “mi sono avvicinata alla politica adesso, con Renzi e Italia viva”. Anche secondo lei “l’obiettivo” della doppia cifra “è realizzabile, soprattutto quando comincerà la campagna elettorale”.

E poi, aggiunge Alessandro, “il 5% sono 2 milioni di elettori, 2 milioni di persone, mica poco”. Lui condivide l’intenzione di Renzi di voler “spostare l’asse del governo, puntare sul buon governo e non guardiamo ai sondaggi ma ai temi e alle idee”. Giuseppe, di Matera, non dubita del fatto che le percentuali di Iv siano “sottostimate” e poi “c’è molta disparita’ di trattamento da parte dei media. Attaccano sempre Renzi, non c’è attenzione e questo condiziona l’opinione pubblica”. Per Rossella di Varese, “c’è un grande campo da conquistare al centro, c’e’ spazio per il progetto alternativo di Renzi”. Infine, Edoardo di Imola osserva: “Sfida ambiziosa e coraggiosa, e la condivido, ma certo se i numeri restano questi…”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Ieri il governo giallo verde è riuscito ad evitare la

landini

“Il Sussidistan denunciato da Carlo Bonomi? Tra il 2015 e

ronzulli

“Neppure i #navigator credono a #DiMaio. Così come molti cittadini

“Oggi noi pretendiamo si dia seguito all’accordo del 24 aprile

Scrittrice ed architetto palestinese, con questo libro Suad Amiry ha

Sul rischio di una seconda ondata da Covid -19, che

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.