Ritardi e bugie, chiediamo le dimissioni di Tridico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
ROME, ITALY - JUNE 12:Show business workers demonstrate in front of the INPS (National Social Security Institute) headquarters to demand that the bonuses, the Supplementary Benefits Fund and the redundancy fund be paid immediately. Precarious workers are also asking for continuity income, until the social distancing can be safely overcome, on June 12, 2020 in Rome, Italy. The whole country is returning to normality after more than two months of a nationwide lockdown meant to curb the spread of Covid-19. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images)

“Gli italiani meritano uno Stato che funziona e una politica che mantiene ciò che promette, invece di mentire per nascondere le propria incapacità.

Il 26 marzo Giuseppe Conte aveva promesso che tutti i lavoratori che stavano aspettando il pagamento della Cassa Integrazione in Deroga sarebbero stati pagati entro il 15 aprile. L’8 giugno il Presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, ha assicurato la stesso risultato ‘entro il 12 giugno’. Ma il giorno prima di quest’altra scadenza bucata, l’11 giugno, la Ministra Catalfo ha spostato nuovamente la scadenza ‘entro pochi giorni’.

Oggi sono ancora oltre 200mila i lavoratori che devono ancora ricevere gli assegni. Sono queste le cose che, in piena emergenza, fanno sì che un Paese ne esca vivo o malconcio. È questo il dovere dello Stato, ed è stato disatteso. Si sentono spesso gli esponenti della maggioranza bofonchiare che siamo in una situazione inedita per giustificare questi ritardi, è inaccettabile.

Per coronare il tutto, Tridico (e mezzo Governo, citandolo) ha mentito sull’efficacia del Reddito di Cittadinanza, affermando che nel 2019 il tasso di povertà assoluta è calato del 60%, quando secondo dati ISTAT le famiglie in povertà assoluta sono diminuite – purtroppo – solo dello 0,6%.

Le cose sono due: o l’ISTAT è passata all’opposizione o il Presidente dell’INPS ha sommato a gravissimi ritardi anche le bugie sul Reddito di Cittadinanza. In un Paese normale si va a casa per molto meno. E l’Italia è un Paese normale, chiediamo quindi formalmente le immediate dimissioni del Presidente Tridico”.

Carlo Calenda e Serena Brandini, responsabile Lavoro di Azione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

cibo

Serrato dibattito sulla proposta di legge a prima firma Stefano

“Aboliremo le buste. Manterremo i materiali ma le buste saranno

Primo ospite Loriano Macchiavelli con il suo nuovo libro “Delitti

Con le trecce sempre più lunghe, la mascherina e il

“Bene primo passo, ma se qualcosa si muove è anche

Secondo le prime indiscrezioni, qui quelle de La Repubblica, il

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.