Roma, sostegno alle imprese della provincia contro racket e usura

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
usura

Monitorare ogni segnale dei fenomeni estorsivi ed usurari e rafforzare le sinergie tra istituzioni ed associazioni.

Questi gli obiettivi di specifici incontri, organizzati in videoconferenza dalla prefettura di Roma, con la partecipazione della procura della Repubblica, delle Forze di polizia e delle associazioni ed organizzazioni di assistenza e ai soggetti danneggiati da attività estorsive, iscritte nell’elenco dell’ufficio del Governo.

Nel primo focus è stata evidenziata una diffusa situazione di difficoltà da parte delle imprese, soprattutto di medie e piccole dimensioni, a causa di un grave deficit di liquidità che ostacola la ripresa delle attività e incrementa il rischio che le organizzazioni criminali, si pongano, grazie alle enormi disponibilità finanziarie di cui godono, quali canali paralleli di erogazione del credito.

Tra le concrete iniziative, particolare attenzione verrà dedicata al potenziamento dell’attività di informazione e sensibilizzazione delle associazioni nei confronti delle potenziali vittime, nel far comprendere i rischi concreti del ricorso a finanziamenti illegali, e al contempo incoraggiandole nelle denunce e supportandole, anche mediante la costituzione in giudizio delle associazioni nei processi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Promosso dall’associazione Cancro Primo Aiuto, nasce a Seregno (MB), precisamente

Come programmato è partito da Roma un volo diretto a

paita

L’Italia dovrebbe seguire l’esempio spagnolo e opporsi con determinazione alle

Chiuse 11 istruttorie, sanzioni per circa 2,4 milioni a due

Domani si riunirà la cabina di regia per nuovi provvedimenti

Diego Fusaro si scaglia contro Roberto Benigni e la sua

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.