Santa Maria Capua Vetere, Saviano: “Picchiavano tutti tranne camorristi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
Saviano_Capacchione.JPG--1024x682

Chi è che non è stato picchiato tra i detenuti di Santa Maria Capua Vetere? Chi è che non è stato scelto tra i detenuti da punire?

La risposta è semplice per chi conosce la vita delle carceri e i suoi rapporti interni di potere, a non essere pestato sono stati i detenuti camorristi e i colletti bianchi della camorra e della politica”. Lo scrive sul Corriere della Sera, Roberto Saviano, che aggiunge: “Ma chiediamoci quale sia il risultato di quel pestaggio. Questo: ogni detenuto sa che deve essere protetto, ogni detenuto da domani cercherà di affiliarsi, si metterà in fila per entrare in un’organizzazione criminale. Da domani borseggiatori diventeranno killer, piccoli spacciatori soldati al servizio dei cartelli, da domani chi entra in carcere sa che non lo difenderà il diritto.

Non è un caso – prosegue – se in carcere non si suicidano solo detenuti, ma anche molti agenti della polizia penitenziaria. Questo inferno, di cui la politica non si occupa se non per propaganda, è un inferno per tutte le persone coinvolte. Il carcere oggi è questo: moltiplicatore di crimine”.

“E sapete qual è la notizia peggiore? – domanda Saviano – Che l’indignazione di oggi farà il paio con l’indifferenza di domani. Fino a quando non sarà chiaro che chi commette un reato, che chi viene processato, giudicato e condannato deve avere, nel suo percorso, obbligatoriamente il reinserimento nella società, fino a che questa, che sembra una ovvietà, non diventerà una acquisizione condivisa da tutti – conclude – il maggior garante dell’esistenza e della prosperità delle mafie sarà lo Stato e noi saremo i suoi complici”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Sono in agenda una serie di incontri che vanno in

CORAZZARI: “QUESTO RICONOSCIMENTO MONDIALE VA CONSERVATO E LA REGIONE VENETO

Sul podio anche Gerbido La Bassa e Vallechiara Fey. Il

durigon

Fate finta di non sapere niente e immaginate questa scena

Abbiamo incontrato Antonio Ingroia in Repubblica Dominicana. Ingroia, è noto,

sbarra

Ma occorre anche patto sociale e nuova stagione di partecipazione

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.