Speranza, alla Sanità pubblica servono almeno 20 miliardi per risorgere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
speranza

Il ministro Speranza presenta la cifra necessaria per rivoluzionare il sistema sanitario pubblico italiano. Servono 20 miliardi per fare la rivoluzione, a partire dalla medicina del territorio.

Alla Sanità pubblica italiana servono almeno 20 miliardi di euro per la “rivoluzione copernicana” di cui avrebbe bisogno. A dirlo è il ministro della Salute Roberto Speranza intervistato a Radio24.

Serve intervenire sulla sanità del territorio con la medicina del territorio e l’assistenza alle persone domiciliare, dice il ministro.

Serve un grande piano di rilancio dei servizi della Sanità pubblica e per realizzare questa fase espansiva, “dopo una stagione di tagli” servono molti fondi dice ancora Speranza.
Mes o Recovery fund?

Per me “va bene anche il Mes o qualunque altro strumento, non bisogna avere pregiudizi verso alcuna forma di finanziamento” dice il ministro Speranza. Però ribadisce che ciò che più gli importa è di avere le risorse per portare a termine il suo piano di riforma.

“Quello che non può succedere assolutamente è che non arrivino i soldi per la sanità”, ha aggiunto Speranza che pensa davvero a un piano di rinascita globale di assistenza sanitaria pubblica dei cittadini e la medicina del territorio sarà il punto focale del maxi piano da 20 miliari di euro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

In Oncologia dal 15 novembre è attivo un ambulatorio dietetico

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano Agli studenti di

Cesetti: ”Sono molto soddisfatto di questi risultati” L’agenzia internazionale di

E poi c’è bisogno di aiutare i medici e il

autobus

Novità in arrivo sul versante della sicurezza e dell’incolumità di

Roma  – “L’aumento dei contagi in Italia sta creando forte

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.