Toccafondi: “La vera didattica è solo in classe”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
list_352x198_-_toccafondi

Il 28 maggio il CTS ha pubblicato delle linee guida per settembre (quindi tre mesi prima della riapertura), nelle quali prevede distanze di un metro tra le postazioni di ogni studente e di due metri dalla cattedra a tutto ciò che la circonda.

Nella realtà, questo significherebbe raddoppiare spazi e insegnanti, moltiplicando i miliardi di spesa pubblica che in questo momento il nostro paese non ha. L’Associazione dei Presidi parla di 160mila classi senza spazi adeguati al rispetto di tali indicazioni. Il ministero ha deciso di legarsi a doppio filo a queste indicazioni.

Cosa che non era affatto obbligato a fare: era stato proprio il coordinatore del CTS Miozzo a dirci, in audizione in Commissione, che il loro era un parere tecnico, un’indicazione, in base alla quale poi l’onere di prendere una decisione spettava alla politica.

Servono realismo, buonsenso e ragionevolezza: la didattica a distanza è stata importante ed ha funzionato – e non per tutti – e in fase di emergenza, ma adesso basta. L’unica vera didattica è quella in presenza, con classi intere e non smembrate in piccoli gruppi. Il distanziamento deve essere calibrato sulla curva dei contagi: non si possono applicare a settembre delle linee guida pensate a maggio. Ma soprattutto tavoli, tecnici ed esperti sono fondamentali, ma la decisione spetta alla politica.

E se il Ministero «decide di non decidere», commette un grave errore perché a perdere sarebbe la scuola ovvero il percorso educativo dei nostri ragazzi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

berlusconi

Raccontano che Silvio Berlusconi abbia donato a una cerchia ristretta

rifiuti

I numeri parlano chiaro: l’emergenza coronavirus non incrementi di rifiuti

IL DISTRETTO DELL’ALTO ADRIATICO PORTA LE ISTANZE DEL MONDO DELLA

Nota della consigliera regionale Antonella Laricchia candidata del M5S e

Tre anni fa i sostenitori grillini dicevano: “con la Raggi

La “Full electric Cargo 31”, l’ultima barca elettrica progettata dal

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.