TREVISO IN ROSA, ECCO LA NUOVA DATA: APPUNTAMENTO AL 6 SETTEMBRE

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
Treviso in rosa_b_Mille cuori_credit RADINI

Definita con l’amministrazione comunale la nuova data dell’evento al femminile più partecipato d’Italia. Gli organizzatori: “Sarà un evento in assoluta sicurezza”. Parola d’ordine: ripartiAMO

Treviso – L’avevano promesso: “Sarà un arrivederci”. E ora, tre mesi e mezzo dopo aver annunciato la data del rinvio, Treviso in rosa – inizialmente prevista per il 3 maggio – è pronta a ripartire. La nuova data è domenica 6 settembre.

Ieri gli organizzatori dell’evento hanno incontrato il sindaco Mario Conte che ha avvallato con entusiasmo la scelta. Le iscrizioni, di fatto mai interrotte, proseguono con le consuete modalità: più di cinquanta, in provincia e non solo, i punti di raccolta delle adesioni tra bar, supermercati e farmacie. Resta inoltre aperto il canale online, attraverso il sito www.trevisoinrosa.it e il portale Enter Now (enternow.it).

Lo sport e le attività ricreative in genere hanno dovuto rivedere i propri format per adeguarsi alle linee guida imposte dalla pandemia, ma gli organizzatori di Treviso in rosa ritengono che in città ci siano gli spazi per organizzare un evento, senza contenuti agonistici, in tutta sicurezza, non senza escludere la possibilità di ridurre il numero delle partecipanti.

“Il 24 marzo, in piena pandemia, abbiamo sospeso Treviso in rosa con la promessa di riproporla in un momento più propizio – commentano Rolando Zuccon ed Enrico Caldato, presidenti di Trevisatletica e Corritreviso, le due società sportive organizzatrici di Treviso in rosa -. Avevamo la speranza che, una volta passata la tempesta, Treviso in rosa, con il suo carico d’entusiasmo, potesse contribuire al rifiorire della città. Ecco, quello è ancora il nostro sogno. Ed è per questo che abbiamo deciso di rimettere in moto la macchina organizzativa. Lo dobbiamo a tutte le donne che in questi mesi ci sono state vicine, spronandoci a ripartire. Lo dobbiamo ai nostri fantastici partner che, nessuno escluso, ci hanno confermato il loro appoggio. E lo dobbiamo a quegli obiettivi di solidarietà – la LILT e il progetto ‘ Una vacanza di vita’ – che abbiamo deciso di sostenere al momento di mettere in cantiere l’edizione 2020 di Treviso in rosa. L’attività di queste associazioni non si è fermata con il Covid, le esigenze restano, e Treviso in rosa continuerà a correre al loro fianco. L’entusiasmo con cui ci ha accolto il sindaco Conte, ci ha fatto molto piacere. Vogliamo pubblicamente ringraziarlo per questo. Ora speriamo che Treviso in rosa, quest’anno più che mai, significhi davvero una mobilitazione dell’intera città: di chi la vive e di chi ci lavora”.

Nelle prossime settimane, in accordo con le autorità, Treviso in rosa definirà una format organizzativo che consenta uno svolgimento dell’evento in assoluta sicurezza: il fulcro della manifestazione rimarrà in Piazzale Burchiellati, in modo da sfruttare gli ampi spazi presenti in quella parte della città.

Da riscrivere, almeno parzialmente, i percorsi, i ristori e la gestione dei momenti successivi alla camminata. Nulla d’impossibile per un’organizzazione che nel 2019, per cercare di sfuggire al maggio più piovoso della storia, è riuscita a far slittare di due settimane, con un preavviso minimo, un evento da 18mila iscritte. La nuova parola d’ordine? RipartiAMO.

-In allegato: foto di Treviso in rosa (credit RADINI) e dell’incontro tra Filippo Bellin (a sinistra) ed Enrico Caldato, rappresentanti del comitato organizzatore dell’evento, e il sindaco Mario Conte.

ABOUT TREVISO IN ROSA

Treviso in rosa è nata per iniziativa di due società sportive, Trevisatletica e Asd Corritreviso, che il 17 maggio 2015 hanno organizzato un evento podistico, esclusivamente dedicato alla donne, in occasione del passaggio in città della Corsa Rosa per eccellenza, il Giro d’Italia. La prima edizione di Treviso in rosa venne allestita in meno di un mese e fu subito un successo. Da allora, Treviso in rosa è diventata l’appuntamento fisso di ogni primavera. La seconda edizione, nel 2016, ha coinvolto oltre 4.500 donne, il triplo dell’anno precedente. La terza, nel 2017, ha superato le 11.000 partecipanti. La crescita è continuata anche nel 2018, quando le iscritte furono oltre 16 mila (16.314, per la precisione), e nel 2019, quando le adesioni hanno raggiunto quota 17.543, anche se poi il maltempo ha limitato l’effettiva partecipazione all’evento. Sin dall’edizione inaugurale, Treviso in rosa ha il patrocinio della LILT Sezione provinciale di Treviso. E quest’anno la grande corsa rosa sostiene anche il progetto “Una vacanza di vita” promosso dall’associazione “Margherita c’è ancora vita”. Per info: www.trevisoinrosa.it.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

berluscon

L’appello del Cav agli alleati Un vero e proprio manifesto

salvini

Il leader della Lega: “Se mi dicessero ‘provaci tu a

CODACONS PRESENTA RICORSO AL TAR NELLA TASK FORCE STATISTICI, PSICOLOGI

La pirateria sottrae ogni anno al mondo del libro 528

Era il 30 Novembre 2018 quando, al fianco degli studenti

Gli istituti di credito sono interlocutori fondamentali per la fase

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.