HomeattualitàA fare insieme si fa meglio

A fare insieme si fa meglio

Un accordo tra scuola e Comune per accompagnare la crescita di bambini e ragazzi

Venerdì 20 novembre alle 17 nel salone di rappresentanza di palazzo Geremia è in programma la presentazione ufficiale dell’accordo collaborazione tra gli Istituti comprensivi della città e il servizio attività sociali del Territorio Val d’Adige.
L’accordo ha l’obiettivo di stabilire una modalità di collaborazione tra istituzioni diverse con la finalità di accompagnare in modo efficace i percorsi di crescita dei bambini, dei ragazzi e delle loro famiglie, in un’ottica di comunità educante. Definisce operativamente modalità e tempi di comunicazione, consulenza e richiesta di collaborazione, formazione del personale scolastico e del servizio sociale, monitoraggio.
L’accordo viene simbolicamente presentato nella giornata in cui si celebra la sottoscrizione della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia.
Seguirà un incontro con gli interventi di Ezio Aceti, psicologo dell’età evolutiva, sul tema Trento: città per il futuro. Un patto cittadino al servizio dell’infanzia e di Dario Ianes, ordinario di pedagogia e didattica speciale presso l’Università di Bolzano, sul tema Costruire alleanze e reti: ruoli e rituali nell’Accordo di collaborazione scuola-servizi attività sociali di Trento.
L’evento può essere seguito in streaming al link
Accompagnare bambini/e e ragazzi/e nello sviluppo personale all’interno del percorso scolastico è la via privilegiata per promuovere l’inclusione, diminuire la dispersione scolastica, agevolare percorsi di qualificazione professionale e di inserimento lavorativo; ciò permette di contrastare l’ingresso nel circuito della povertà e delle disuguaglianze. Una proficua collaborazione tra i professionisti, gli educatori dei servizi, gli insegnanti, le famiglie, le associazioni del territorio e le reti di famiglie garantisce un migliore esito degli interventi a sostegno del benessere dei bambini, dei ragazzi e delle loro famiglie, di cui si ricerca la partecipazione attiva e consapevole. Un’azione che può trovare sostegno e rinforzo nella costruzione di alleanze con gli altri soggetti educanti presenti nel territorio (privato sociale, oratori, associazioni sportive/culturali, volontariato, ecc). L’Amministrazione comunale, in alleanza con la scuola, concretizza questo intento anche attraverso il protocollo Città-scuola e il Distretto dell’educazione, valorizzando il contributo attivo dei bambini e dei ragazzi con azioni di ascolto e partecipazione come indicato nei nove passi del percorso di certificazione “Trento città amica dei bambini e dei ragazzi” .

giornalista per un giorno

Articoli popolari