Abbiamo solo 10 giorni per evitare una scelta drammaticamente sbagliata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print
ORFINI

C’è infatti un codicillo che prevede il tacito rinnovo degli accordi con la Libia a meno che non vengano disdetti entro il 2 novembre.

Per chi li ha sottoscritti (governo Gentiloni) sono una cornice necessaria a ogni intervento.
Per me sono una vergogna.

Con quegli accordi noi sostanzialmente affidiamo alla Libia il ruolo di contenere i flussi migratori. Ma dalla Libia non esigiamo il rispetto dei diritti umani.

Per capirci. Siccome se una nave italiana salva dei migranti nel Mediterraneo, non può riportarli in Libia in quanto è vietato riportare migranti in paesi che non garantiscono il rispetto dei diritti umani, per aggirare il problema noi finanziamo la Libia e la sua guardia costiera perché lo facciano al posto nostro.

Una squallida e insopportabile ipocrisia. Che ha prodotto una delle più drammatiche crisi umanitarie degli ultimi anni: lager, torture, stupri, omicidi.

Per non parlare di quello che potrebbe nascondersi dietro questi gli accordi e che diverse inchieste giornalistiche stanno facendo emergere: una presunta trattativa tra il nostro paese e i trafficanti di esseri umani.

Oggi la situazione è ancor più grave perché in Libia è in corso una guerra civile.
Ma noi niente, facciamo finta che il problema non esista. Quando invece è enorme e dipende anche da quegli accordi, peraltro mai discussi in parlamento.

Abbiamo 10 giorni per spiegare che quella cornice non solo non è affatto necessaria. Ma che è semplicemente indecente. E che va stracciata. E semmai ricostruita partendo dal tema principale, ovvero il rispetto dei diritti umani.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Ti potrebbero interessare

Sono bastati due giorni di pioggia, ancorché intensa, ma non

slot

“Tante segnalazioni di persone che ancora oggi si recano con

Gli amici lo chiamano Pupi. È un per­sonaggio misterioso e

La Giunta regionale del Piemonte, su proposta dell’assessore all’Agricoltura e

E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento ai quasi 14

L’avvio dell’estate meteorologica (iniziata il primo del mese) è iniziata

Chiudi il menu
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.